NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    Esperienze di vita

    Condividi
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Esperienze di vita

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 21 2011, 11:58

    Con questo post vorrei delineare o puntualizzare cosa è stato il mio percorso ad oggi ma soprattutto cosa intendo per percorso. Vediamo se ci riesco ma vorrei anche se possibile una partecipazione attiva o uno stimolo a scrivere.

    Intanto farei delle premesse che servono da guida o anche da interpretazione del viaggio stesso.

    Sono sempre stato convinto ed oggi ancora di più del fatto che l'uomo nasce unico e irripetibile e che quella che vive è l'unica vita che ha a disposizione per ciò che attiene questo "stato" della materia, infatti secondo me il discorso della reincarnazione anche se valido è molto travisato e non coglie o non fa giustizia dell'essenziale ma si perde in argomentazioni e giustificazioni che a nulla servono se non ad esorcizzare la quel sentimento tanto antico quanto moderno della Paura della Morte.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Esperienze di vita

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 21 2011, 12:17

    Ora faccio un po quello che credo sia la routine che ogni uomo che nasce in occidente è destinato a subire oppure a imporre a seconda del ruolo che ha.

    Di solito la stragrande maggioranza degli uomini/donne sono cittadini comuni ovvero non fanno scelte di tipo religioso che comportano un impegno appunto secolare o conventuale che sia, quindi parliamo di quella brutta parola che a volte viene indicata con il termine "gregge".

    Si nasce e dopo alcuni mesi si viene battezzati e quindi si è ufficialmente nel registro dei Battezzati della Chiesa Cattolica Romana. Un semplice gesto che sancisce un'appartenenza religiosa all'insaputa del bambino/a.
    Quindi normalmente il percorso spirituale ovvero il non percorso spirituale non passa attraverso l'istituzione religiosa se non come riflesso.

    Un riflesso ovvero una pratica che nella maggior parte della popolazione è del tutto assente, ora non ho statistiche alla mano ma la percentuale dei giovani e degli adulti che frequenta l'ambiente è del tutto assente e la fetta maggiore è occupata dalla fascia degli anziani.

    laquo
    laquo

    Messaggi : 156
    Data d'iscrizione : 16.01.11
    Età : 47
    Località : Napoli

    Accolgo il tuo invito.

    Messaggio Da laquo il Ven Gen 21 2011, 13:15

    Carissimo Kame,
    accolgo il tuo invito, anche incuriosito. E' sempre bello poter giovare del percorso compiuto da altre persone e c'è sempre qualcosa da imparare e da ritenere,
    tuttavia non so come intervenire. Proverò, sperando con le mie parole di stimolarti a continuare.

    Una premessa.
    Un percorso per definizione è di crescita e di movimento e auspico che sia permanente; dare poi un valore a questa crescita, se sia in meglio od in peggio non è neanche tanto rilevante, proprio perché la crescita è continua e quindi sicuramente ci saranno momenti bui seguiti da momenti di luce e viceversa.
    Io stesso mi trovo in un percorso di vita ancora non concluso e sono in ricerca continua (anche - o forse soprattutto - spirituale) e l'aiuto di altre persone è sempre il benvenuto.
    ___ ___ ___

    L'irripetibilità dell'Uomo fa sì che siano irripetibili anche le sue esperienze, sebbene se ne trovi un denominatore comune che genera un "insieme di persone" e ciò causa poi differenze tra un gruppo sociale ed un altro.

    Ciò che chiami "riflesso" forse giustifica di per sé il mio odio per quella pratica comune (almeno in Italia) che è il battesimo di un neonato; preferisco di gran lunga una scelta consapevole ad un obbligo ed io penso che la Chiesa dovrebbe aprire una riflessione su questa imposizione che ha molto poco di religioso e troppo di materiale e temporale.

    Concludo in questo modo:
    auspico per tutti un percorso che sia anche religioso;
    aspetto la prosecuzione del tuo racconto per intervenire nuovamente.



    Kame ha scritto:Con questo post vorrei delineare o puntualizzare cosa è stato il mio percorso ad oggi ma soprattutto cosa intendo per percorso. Vediamo se ci riesco ma vorrei anche se possibile una partecipazione attiva o uno stimolo a scrivere.
    [Continua...]
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Esperienze di vita

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 21 2011, 13:30

    Proseguo Kywoon,
    forse già nasciamo predestinati o forse no, semplicemente abbiamo delle tendenze che poi durante la vita si manifesteranno oppure verranno soffocate.
    La religione di stato tende a soffocare la tendenza innata dell'individuo (e mi riferisco a tutte le religioni) e nel nostro caso siamo nella chiesa cattolica, tanto più l'uomo si sente libero di amare e tanto più sente la stretta al collo del "religere" o del racchiudere dentro o insomma del tabù.

    Il tabù viene strettamente controllato dalla ecclesia o dal potere ritenuto tale, questo potere non è altro che l' energia che il credente o il fedele o il gregge apporta suo malgrado all'apparato stesso.
    In questo discorso la religione non è differente da Matrix, una prigione per la mente dove l'essenza buona viene offerta in sacrificio per perpetuare questo lungo percorso molto umano e quasi per nulla spirituale.

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Esperienze di vita

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar Mar 26 2019, 16:01