NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

    Condividere

    egle1967

    Messaggi : 2
    Data d'iscrizione : 22.01.11

    IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

    Messaggio Da egle1967 il Sab Gen 22 2011, 20:55

    Bruno ha otto anni, vive a Berlino ed è figlio di un ufficiale nazista. Quando il padre viene assegnato al comando di un campo di concentramento, tutta la famiglia deve trasferirsi con lui. Diversamente da quanto previsto, il lager è molto vicino alla casa dell’ufficiale ed è visibile dalla finestra della camera di Bruno. Il bambino pensa si tratti di una fattoria e che i prigionieri siano agricoltori. Anche quando, spinto dalla passione per “l’esplorazione”, si avvicina alla rete del campo continua a pensare che l’unica cosa strana sia che questi contadini indossino sempre il pigiama.
    Solo l’amicizia con il piccolo Shmuel, coltivata attraverso il filo spinato del campo di concentramento, darà la possibilità a Bruno di conoscere il mondo degli adulti e la crudeltà del nazismo.
    Tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore irlandese John Boyne, “Il bambino con il pigiama a righe” è un’opera indubbiamente coraggiosa.
    Il tono narrativo è quello della fiaba e questo fa passare in secondo piano le molteplici incongruenze storiche presenti nel film.
    Tutto è già stato detto sull’Olocausto e raccontare per immagini delle tematiche così difficili, può rivelarsi insidioso. A dispetto però della profusione di pellicole sul tema della Shoah, questo film diretto da Mark Hermann (già conosciuto per “Grazie, signora Thatcher”), aggiunge nuovi aspetti e nuove angolazioni a ciò che è già stato raccontato fino ad oggi e rendono, pertanto, meritevole di attenzione questa ennesima incursione sul soggetto.
    La storia ci viene raccontata attraverso gli occhi ingenui di Bruno e attraverso il rapporto di amicizia con Shmuel. Bruno non comprende le differenza tra le razze, si fa domande cui risponde con innocenza, mentre Shmuel si chiede solamente dove possa essere andato suo padre. I dialoghi si impongono con la loro immensa e candida poeticità e i due bambini, grazie ad una brillante sceneggiatura, trasformano la realtà in un mondo meno spietato. Le loro fantasie mitigano la crudeltà del mondo che li circonda, ma li conducono comunque verso un finale ineluttabile.
    Il punto di forza della pellicola è basato sul concetto di prigionia subita da entrambi i protagonisti: la cattività di Shmuel, certo, rinchiuso in un campo di concentramento, ma anche quella di Bruno, forzatamente esiliato in una nuova casa e vittima di una rigida educazione fascista. Entrambi sono prigionieri in un recinto che prima di tutto è culturale e li trasforma in vittime inconsapevoli di un mondo “adulto” che non riescono a comprendere, ma che purtroppo rappresenta il loro unico punto di riferimento. Il rapporto di Bruno con suo padre, caratterizzato quasi fino alla fine da una totale fiducia e obbedienza, diviene metafora della relazione tra il popolo tedesco e il suo Führer.

    Convincenti le performance degli attori protagonisti, Asa Butterfield e Jack Scanlan. Deboli e stereotipati i comprimari Vera Farmiga (la madre di Bruno) e David Thewlis (padre di Bruno).

    Pur se pensato per un pubblico di bambini (è prodotto dalla Disney), il film non da spazio alla redenzione né ad un lieto fine ed è per questo motivo che lo ricorderemo.

    [img][/img]
    avatar
    VeroVeve

    Messaggi : 63
    Data d'iscrizione : 14.01.11
    Età : 27

    Re: IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

    Messaggio Da VeroVeve il Lun Gen 24 2011, 14:33

    Un fil, davvero triste...pieno di significato...Smile bellissimo io gli darei un 10. Smile

    egle1967

    Messaggi : 2
    Data d'iscrizione : 22.01.11

    Re: IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

    Messaggio Da egle1967 il Lun Gen 24 2011, 18:17

    Bel film che tratta un argomento difficile e lo fa con modi inconsueti. Se proprio i voti bisogna darli, gli darei un 7, perche' l'interpretazione degli attori non è eccezionale.

    Contenuto sponsorizzato

    Re: IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mer Dic 13 2017, 02:25