NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    Allen Ginsburg Urlo

    Condividi
    laquo
    laquo

    Messaggi : 156
    Data d'iscrizione : 16.01.11
    Età : 47
    Località : Napoli

    Allen Ginsburg Urlo

    Messaggio Da laquo il Mer Feb 02 2011, 03:03

    Questo testo l'ho scritto come tributo ad Allen Ginsburg ed alla sua opera subito dopo aver visto il film a Lui dedicato.


    “marcisce la terra la putrida terra con vermi schifosi che camminano sopra l’odore è maleodorante viene ribrezzo nauseabondo a stare là scappi scappi scappi ti ritrovi in una pozza l’acqua ti viene al collo alla bocca ingoi ingoi ingoi scendi giù affondi non respiri più annaspi le mani verso l’alto la bocca piena d’acqua non gridi aiuto non c’è nessuno che ti salvi stai morendo provi dolore vuoi salvarti non escono lacrime dagli occhi la pancia fa male i piedi dolenti sei tutto un tremore vuoi salvarti cadi giù nella pozza in fondo vedi un teschio chiudi gli occhi non ce la fai più inspiri i polmoni pieni d’acqua muori”


    Inizia come un sogno e si trasforma in una angosciosa realtà ... sarà così la nostra morte?

      La data/ora di oggi è Mar Mar 26 2019, 14:56