NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    I nati dallo Spirito

    Condividi
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    I nati dallo Spirito

    Messaggio Da Kame il Gio Feb 03 2011, 14:06

    Chi non rinasce non ha la vita eterna. Questo è un motto ormai consolidato ma forse è possibile entrare nei particolari.

    Intanto sgombriamo il campo da possibili influenze religiose dato che si parla di fede personale e quindi evoluzionaria intesa come possibilità data a tutti di affacciarsi all'Infinito.

    Ogni uomo è chiamato a questo tipo di Fede che è ad es. possiamo trovare nel Vangelo (io parlo di Vangelo dato che ho conosciuto questa tradizione ma sarebbe possibile anche per altri credi) nella frase "la tua Fede ti ha slavato" o frasi simili, dove la connotazione base del pentimento è il sentimento dell'Amore che reputo trasversale e quindi accessibile a tutti.

    Quindi ritornando a tema direi che chi non rinasce dallo Spirito non entra nel Regno, in un Regno che lungi dall'essere una proiezione futura (anche quella ma non solo) si proietta nell'immediato e nel quotidiano.

    Nascere dallo Spirito significa accettare di fare la Volontà Superiore e riconoscere quel Dio invisibile che pur dimora dentro di noi.

    Questa nascita dallo Spirito e nello Spirito porta con se le premesse per uno sviluppo futuro dove lo stesso Spirito non sarà più contraddistinto dalla nostra Mente ma sarà fuso in un tutt'uno, un Essere Spirituale Personale. A parte la definizione mi sembra che la cosa più importante sia in definitiva l'applicazione pratica che non deve essere necessariamente super compresa, nel senso che l'accettazione della Volontà è soprattutto un fatto interiore.

    Al momento quindi secondo me è importante il Fiat voluntas tua e in particolare è anche molto interessante approfondire gli aspetti di questa Volontà Superiore. Ammesso che un individuo si arrenda a questa volontà, secondo me la sostanza consiste nella vita spirituale interiore che si arricchisce della scoperta di tale Volontà. Per es. ogni giorno accadono degli avvenimenti che possono essere piacevoli o meno piacevoli.
    Prendendo ora il lato dell'accettazione della Volontà vorrei fare una distinzione tra chi accetta l'accaduto senza neppure rendersene conto e tra chi riesce a scorgervi già una strada tracciata.

    Secondo voi c'è una qualche differenza? E se ci fosse cosa comporterebbe?
    occhi_che_sorridono
    occhi_che_sorridono

    Messaggi : 83
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 46
    Località : Prov di Milano

    Re: I nati dallo Spirito

    Messaggio Da occhi_che_sorridono il Sab Feb 05 2011, 14:03

    "Al momento quindi secondo me è importante il Fiat voluntas tua e in particolare è anche molto interessante approfondire gli aspetti di questa Volontà Superiore. Ammesso che un individuo si arrenda a questa volontà, secondo me la sostanza consiste nella vita spirituale interiore che si arricchisce della scoperta di tale Volontà. Per es. ogni giorno accadono degli avvenimenti che possono essere piacevoli o meno piacevoli.
    Prendendo ora il lato dell'accettazione della Volontà vorrei fare una distinzione tra chi accetta l'accaduto senza neppure rendersene conto e tra chi riesce a scorgervi già una strada tracciata.

    Secondo voi c'è una qualche differenza? E se ci fosse cosa comporterebbe?"


    Io credo che non esista ne il caso ne la fortuna e che tutto quello che ci accade è per la nostra salvezza, sta poi a noi vederne il disegno e con un atto di volontà libero, cosciente e rinnovato ogni giorno, seguirlo verso la piena e completa realizzazione del nostro potenziale su questa terra e la salvezza della nostra anima oppure liberamente e cocciutamente decidere di seguire altre strade e perderci in esse.
    I love you

      La data/ora di oggi è Mar Mar 26 2019, 15:22