NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    cos'è la vera fede

    Condividi
    avatar
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da marakella il Lun Feb 14 2011, 21:11

    marakella ha scritto:

    "La fede è strettamente legata all'azione, chi ha fede agisce coerentemente con ciò per cui ha fede.
    Ogni persona durante la sua esistenza ha bisogno di avere fede in qualcosa. Ogni uomo sceglie fin da piccolo in cosa o in chi avrà fede, di solito si affida ai genitori, ai nonni, poi crescendo sceglie un'amicizia, seleziona i valori che gli vengono proposti ed in base alla propria natura fa suoi quelli che più lo soddisfano. Ma io ho messo in ogni uomo il bisogno di cercarmi.
    Ogni essere umano nel suo intimo è cosciente del fatto che la vita ha un senso diverso da quello che la società gli propone.
    Il materialismo è il contrario della vera fede, sia che questo proceda da un'ideologia comunista che capitalista.
    Senza fede la vita dell'uomo non ha senso, il valore di questa fede è determinato da quanto questa produca dei frutti validi nel tempo.
    Ogni tipo di fede è trainante nell'esistenza umana, ma non tutte le fedi salvano, solo chi crede in me, nella salvezza di Cristo è salvato.
    Ogni uomo dovrebbe, di tanto in tanto, fermarsi e considerare la propria vita finita oggi, per valutare che frutti restano della propria esistenza, in questo modo capirebbe in cosa ha avuto e tuttora ha fede.
    Laughing Laughing Laughing Laughing

    Non riportare i versetti Razz Razz Razz Razz Razz Razz
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Lun Feb 14 2011, 22:50

    Due cose marakella, non condivido
    intanto la fede non può essere un bisogno inteso comunemente ma semmai una esigenza dello spirito o meglio dell'anima in evoluzione.
    Non soltanto chi crede nella salvezza di Cristo è salvo ma più in genere la parola salvezza è usata non bene per mio conto andrebbe indicato il fattore principale della fede che è appunto il Padre o Sorgente di tutto.
    E in seconda istanza specificare che se di salvezza si tratta è perché abbracciando la fede si vive realmente mentre il non abbracciarla significa morte certa. Il discorso invece della morte in croce di Gesù come deterrente di salvezza mi sembra molto lontano come concetto e basato non su di un rapporto Padre-Figlio quanto dell'ennesima supremazia della violenza anche in questo settore. Non potrei accettare che la mia salvezza passi per il sangue di un'altra persona, nella fattispecie il Figlio di Dio. Intendiamoci, anche se fosse stato un fratello comune, la fede è responsabilità e riconoscenza di un Padre che ci ama a tutti allo stesso modo. L'uccisione di Gesù è dovuta ad altre motivazioni e tra l'altro non era neppure necessaria, lo è stata invece per la mancanza di fede, appunto di tipologie umane (come quella di Giuda) che mai ammetterebbero il perdono di "gesti al limite". Eventualmente è un discorso da affrontare a parte.
    avatar
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da marakella il Lun Feb 14 2011, 23:35

    I versetti dei TDG sono diversi da come la pensiamo noi.Se l'uomo non avesse assolutamente fede in niente non riuscirebbe a fare neanche un passo fuori di casa, così ogni azione, ogni pensiero, ogni parola, ogni scelta testimoniano della propria fede nella società, nello stato, nella polizia, negli altri.
    É impossibile aver fede in Dio, nell'Iddio vivente, nel Creatore dell'universo, senza conoscermi a fondo, senza conoscere la mia parola, le mie promesse. Poiché attraverso la fede nella mia parola l'uomo acquista discernimento, forza e determinazione per definire le proprie scelte, trova lo slancio per prendere delle decisioni, svolgere dei compiti anche duri, tutto questo in un contesto spirituale integrato in quello umano molto ampio, con risvolti che si ripercuotono nell'eternità.
    Per esempio, anche tu oggi svolgi un'opera di evangelizzazione, io, attraverso lo Spirito prendo cura di far crescere la pianta scaturita dal tuo seme, comunque il tuo lavoro produce un risultato eterno per il tuo prossimo.
    Questo risultato può essere di salvezza eterna, se avviene una conversione e si stabilisce un nuovo rapporto personale con me, oppure di condanna eterna, poiché c'è stato un rifiuto al messaggio che non proveniva da te ma da me.
    Senza fede è impossibile che una persona possa piacermi, chi vive seguendo una fede che è frutto di una propria convinzione o che segue gli obiettivi che il mondo gli pone davanti è una persona cieca, un essere che pur pensando di credere è cieco, è incapace di produrre alcun frutto eterno.
    La mancanza di fede non è ignoranza né incredulità, ma è esclusivamente il desiderio di liberarsi di Dio, del mio insegnamento, è un'insofferenza verso la sottomissione a Dio.
    Ma la mancanza di fede non produce libertà, bensì produce schiavitù verso un dio materiale, che rende soggiogati a meccanismi dai quali è impossibile liberarsi senza il mio aiuto. Poiché l'uomo non ha altro a disposizione: o è fedele a Dio oppure sarà fedele al desiderio di ricchezza, di potere, inseguirà il piacere egoistico fine a se stesso.
    Ciò che l'uomo non riesce a capire è che si trova nel mezzo di un combattimento spirituale della verità, della lealtà, contro l'odio, la tirannia, l'egoismo.
    Io sono l'Iddio dell'amore e della libertà, il mio avversario e un dio della corruzione e del male, chi non è con me è contro di me e chi non raccoglie con me disperde.
    Io non permetto che si possa restare a metà senza fare una scelta definita e precisa, io sono l'Iddio della precisione, ogni mia legge dura in perpetuo, come testimonia la creazione, e nessuno può sovvertirla.
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Mar Feb 15 2011, 01:12

    Mi spiace ma non rispondo ad articoli copiati, cmq non stanno così le cose, queste non sono ne profezie ne indicazione sono un dogma
    avatar
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da marakella il Mar Feb 15 2011, 13:26

    Anche se son copiati , tu la pensi diversamente dalla Chiesacattolica . Se leggi quelle di altre religione , che ancora non ho letto , deve essere diverso .


    Gli uomini che pensano di vivere senza vere fede in me, ma conservano la fede nei propri idoli ed ideali, credono di poter condurre una vita pacifica, sicura, serena e tranquilla, nella loro ignoranza creano automatismi di difesa, degli scudi artificiali che gli garantiscano un'esistenza senza turbamenti. Fanno progetti senza di me, pianificano i loro giorni senza consultarmi, non si meravigliano quando nel giorno che meno se l'aspettano gli succede quello che più temono, un giorno io busserò alla loro porta a chiedere di render conto della loro esistenza.
    Tutto quello per cui avranno lottato con le unghie fino a quel giorno, d'un tratto perderà valore confronto alla vita, quel giorno la mia giustizia m'impedirà di salvarli, le loro opere verranno spazzate via come la pula al vento.
    Ma ciò che m'indigna oggi è che anche i miei figlioli corrono dietro al vento dei piaceri di questa società, cessano di evangelizzare, di lavorare coscienziosamente ed assiduamente per il mio regno che non tarderà ad arrivare, saranno guai anche per loro quando la mia venuta manifesterà la tiepidezza della loro fede.
    Grandissima sarà la tristezza dei miei figlioli quando si accorgeranno di aver lottato per cose di nessun valore!

    Oggi l'uomo comune ignora totalmente quanto sarà complesso e meraviglioso il luogo che sto preparando per i miei figlioli, le persone non considerano che nella società futura da me amministrata ci saranno dei compiti e delle responsabilità nuove, molto più importanti di quelle attuali, poiché sono inserite in un contesto eterno.
    Se la gente ricercasse la verità e conoscesse questa realtà certo oggi avrebbe la vera fede in me, il suo comportamento dimostrerebbe questa realtà spirituale. Ma Satana sa come ottenebrare le menti umane poiché il suo scopo è di trascinarle con se nella condanna eterna, lontano dalle mie benedizioni.
    Perciò io ti dico: veglia! e fai vegliare i tuoi fratelli! Poiché il nemico è forte ed è all'opera , questi, non ha nessuna intenzione di risparmiare per te e per chiunque altro il peggiore dei mali, certo c'è una differenza fra i miei figlioli e l'uomo comune, perché io limito l'efficacia della tentazione.

    Io tendo la mano della salvezza tutti i giorni ad ogni persona vivente della terra, affinché gusti la mia salvezza, la mia benedizione e la gioia di vivere la vera fede, se solo nella sua cecità vorrà accorgersi che l'Iddio vivente è vivo ed opera oggi per salvargli la vita.

    avatar
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da marakella il Mar Feb 15 2011, 13:32

    marakella ha scritto:Anche se son copiati , tu la pensi diversamente dalla Chiesacattolica . Se leggi quelle di altre religione , che ancora non ho letto , deve essere diverso .


    Gli uomini che pensano di vivere senza vere fede in me, ma conservano la fede nei propri idoli ed ideali, credono di poter condurre una vita pacifica, sicura, serena e tranquilla, nella loro ignoranza creano automatismi di difesa, degli scudi artificiali che gli garantiscano un'esistenza senza turbamenti. Fanno progetti senza di me, pianificano i loro giorni senza consultarmi, non si meravigliano quando nel giorno che meno se l'aspettano gli succede quello che più temono, un giorno io busserò alla loro porta a chiedere di render conto della loro esistenza.
    Tutto quello per cui avranno lottato con le unghie fino a quel giorno, d'un tratto perderà valore confronto alla vita, quel giorno la mia giustizia m'impedirà di salvarli, le loro opere verranno spazzate via come la pula al vento.
    Ma ciò che m'indigna oggi è che anche i miei figlioli corrono dietro al vento dei piaceri di questa società, cessano di evangelizzare, di lavorare coscienziosamente ed assiduamente per il mio regno che non tarderà ad arrivare, saranno guai anche per loro quando la mia venuta manifesterà la tiepidezza della loro fede.
    Grandissima sarà la tristezza dei miei figlioli quando si accorgeranno di aver lottato per cose di nessun valore!

    Oggi l'uomo comune ignora totalmente quanto sarà complesso e meraviglioso il luogo che sto preparando per i miei figlioli, le persone non considerano che nella società futura da me amministrata ci saranno dei compiti e delle responsabilità nuove, molto più importanti di quelle attuali, poiché sono inserite in un contesto eterno.
    Se la gente ricercasse la verità e conoscesse questa realtà certo oggi avrebbe la vera fede in me, il suo comportamento dimostrerebbe questa realtà spirituale. Ma Satana sa come ottenebrare le menti umane poiché il suo scopo è di trascinarle con se nella condanna eterna, lontano dalle mie benedizioni.
    Perciò io ti dico: veglia! e fai vegliare i tuoi fratelli! Poiché il nemico è forte ed è all'opera , questi, non ha nessuna intenzione di risparmiare per te e per chiunque altro il peggiore dei mali, certo c'è una differenza fra i miei figlioli e l'uomo comune, perché io limito l'efficacia della tentazione.

    Io tendo la mano della salvezza tutti i giorni ad ogni persona vivente della terra, affinché gusti la mia salvezza, la mia benedizione e la gioia di vivere la vera fede, se solo nella sua cecità vorrà accorgersi che l'Iddio vivente è vivo ed opera oggi per salvargli la vita.

    Quel nick che riporta i versetti non sono ricopiati .
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Mar Feb 15 2011, 14:04

    Dicevo che non posso rispondere a frasi riportate da altri siti o nik che siano, se si fa un discorso il bello è di approfondirlo direttamente.

    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Abnego il Mar Feb 15 2011, 15:37

    risposta per Abramelin
    Dunque discendiamo dalla scimmia.....................
    Una volta chiesi ad uno che la pensava come te : " e la sciammia da dove discende....? "
    Mi rispose: dall'albero.....................
    avatar
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 75
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da abramelin18 il Mar Feb 15 2011, 17:37

    A qualcuno che la pensava come me? Very Happy
    L'evoluzione è stata scoperta da Darwin e non da me.E Darwin ti direbbe che le scimmie derivano dagli artiodattili e così indietro fino ai virus.
    Comunque tu non sai cos'è l'evoluzione nè mai lo saprai.
    Perchè non riusciresti mai a capire come funziona.
    clown
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Mar Feb 15 2011, 21:51

    E il virus o i monocellulari da chi derivano ma soprattutto chi ce li ha portati sulla terra?
    A parte il detto delle comete Very Happy
    Darwin da solo è il nulla assoluto, spiega tutto e niente.
    Primo interrogativo "come è arrivata la vita sulla terra", a meno che non si sia autogenerata Very Happy
    Secondo interrogativo, gli anelli mancanti basterebbero da soli ad agghindare migliaia di braccia femminili Very Happy

    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Abnego il Mer Feb 16 2011, 02:10

    Se ci fosse ancora Darwin gli chiederei: Hai detto che nulla si crea e nulla si distrugge.
    Dimmi allora da dove viene un seme.........?
    Tu , caro abramelin, prova a ragionare con la tua testa e non con quella degli altri, forse e dico forse..........capirai che quando la tua vita finisce non diventerai una mela o un carfioco ( anche se il termine potrebbe anche andare....) ma ti trovarai davanti a Dio e gli dovrai dire che >lui non c'è.......
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Mer Feb 16 2011, 10:33

    Abnego ha scritto:Se ci fosse ancora Darwin gli chiederei: Hai detto che nulla si crea e nulla si distrugge.
    Dimmi allora da dove viene un seme.........?
    Tu , caro abramelin, prova a ragionare con la tua testa e non con quella degli altri, forse e dico forse..........capirai che quando la tua vita finisce non diventerai una mela o un carfioco ( anche se il termine potrebbe anche andare....) ma ti trovarai davanti a Dio e gli dovrai dire che >lui non c'è.......

    Ma non era einstein ad affermare "nulla si crea e nulla si distrugge"?
    Poi, secondo me chi non sceglie il sentiero della perfezione o meglio il Regno di Dio o dei Cieli, dato che diviene un "non valore" è probabile che come tale si annichilisca. Non parlo di di distruzione o annullamento ma di incorporazione. Sta di fatto che tutto quello che riusciamo ad "essere" nell'arco della nostra vita non si può distruggere di un sol colpo ma secondo me c'è differenza tra un valore o un "energia" consapevole che va in "aumentazione" e di una energia inconsapevole che va in accumulo di qualcos'altro.
    avatar
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 75
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da abramelin18 il Mer Feb 16 2011, 11:37

    No,non era Einstein ma Lavoisier.
    E la Legge dice che nulla si crea e nulla si distrugge,tutto si TRASFORMA.
    Ad esempio 200 grammi di benzina bruciano dando origine a 200 grammi di anidride carbonica e acqua;oppure un albero di 5 tonnellate brucia dando origine a 5 tonnellate di anidride carbonica, acqua e ceneri;oppure,dopo che tu sarai morto il tuo corpo si combinerà con l'ossigeno dell'aria dando origine ad anidride carbonica,acqua e ceneri.
    Non sai nulla nè di chimica,nè di fisica nè di astronomia giusto?
    Però sei in grado di leggere i Vangeli e capire ciò che sta scritto vero?
    Nè Einstein nè Lavoisier erano in grado di capire la Bibbia ma tu certamente sì vero?
    Very Happy Very Happy
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Mer Feb 16 2011, 14:14

    Mi sono fatto invece una mezza idea di chi sta postando qui.
    La vera fede non ha nulla a che vedere ne con Einstein ne con Lavoisier ne tanto meno con quanto desumo da questi post

    maybe

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 09.02.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da maybe il Mer Feb 16 2011, 17:36

    Kame ha scritto:Mi sono fatto invece una mezza idea di chi sta postando qui.
    La vera fede non ha nulla a che vedere ne con Einstein ne con Lavoisier ne tanto meno con quanto desumo da questi post
    Converrai che quello che tu chiami "vera fede" ha comunque a che fare con l'uomo. Quindi o tu consideri l'uomo come un puzzle senza connessione oppure lo consideri nel suo complesso.
    Converrai anche che e' solo considerandolo nel suo complesso che puoi conoscerne la natura.
    Bene converrai infine, che se per l'uomo esiste la vera fede. e' perche' esiste l'uomo... e se esiste, esiste in un mondo dove la legge di Lavoiser c'entra eccome.
    Quindi, c'entra anche con la vera fede...
    Quello che dovresti desumere dai post, dovrebbero essere degli stimoli che ti creino un dubbio; sempre che essere messo in dubbio possa interessarti.
    Per me e' lo scopo principale di stare in un forum, ma il mondo e' bello perche' e' vario.

    Colgo l'occasione anche per citare altri post qui sopra:

    ---------------------------------------
    -Se ci fosse ancora Darwin gli chiederei: Hai detto che nulla si crea e nulla si distrugge.
    Dimmi allora da dove viene un seme.........?-

    Dal frutto?
    Abnego, abnego abnegoooooooo... perche' vuoi metterti in ridicolo, dai, fai il bravo, parla della bibbia che hai, che almeno la conosci.
    -----------------------------------------

    Ma non era einstein ad affermare "nulla si crea e nulla si distrugge"?
    Poi, secondo me chi non sceglie il sentiero della perfezione o meglio il Regno di Dio o dei Cieli, dato che diviene un "non valore" è probabile che come tale si annichilisca

    Non capisco cosa intendi con "annichilisca"; chi e' il reale soggetto?
    "chi non sceglie il sentiero della perfezione o meglio il Regno di Dio o dei Cieli"
    oppure
    "il Regno di Dio o dei Cieli"
    ?

    Scusa, ma se il soggetto e' "chi non sceglie...", allora sei fuori strada, ma di brutto.
    E' come fare la classifica dei buoni e i cattivi...
    lassamo perde va

    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Abnego il Mer Feb 16 2011, 18:49

    siamo alle solite...........
    il seme viene dal frutto ed il frutto viene dasl seme........
    Perbacco che perspicacia.......!!!
    Un giorno un tipo mi chiese : viene prima l'uovo o la gallina ?
    Naturalmente voleva contraddirmi qualsiasi risposta gli avessi dato.
    Risposi invece. La gallina !
    Viene prima la gallina perchè Dio ha creato la gallina e con lei tutti gli altri animali di questa terra.

    maybe

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 09.02.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da maybe il Mer Feb 16 2011, 19:20

    Abnego ha scritto:siamo alle solite...........
    il seme viene dal frutto ed il frutto viene dasl seme........
    Perbacco che perspicacia.......!!!
    Un giorno un tipo mi chiese : viene prima l'uovo o la gallina ?
    Naturalmente voleva contraddirmi qualsiasi risposta gli avessi dato.
    Risposi invece. La gallina !
    Viene prima la gallina perchè Dio ha creato la gallina e con lei tutti gli altri animali di questa terra.
    sbagliato, il frutto viene dal fiore.
    In tutto questo, abnego, ti comprendo, ma mi chiedo: ok, ma la figura di un demiurgo creatore e' proprio necessaria?
    Prova per un momento a staccarti dall'imprinting dio-padre-creatore e a pensare (solo un momento eh..) che questo dio sia l'esistenza stessa, che e' sempre esistita e sempre esistera'.
    Considerando dio in questo senso, la legge di Lavoiser e' perfettamente logica, ma non solo, anche necessaria.
    L'esistenza, infatti, comprende tutto (e quindi anche io e te), comprende quindi che essa possegga da sola l'intelligenza di formarsi (creare) in diverse manifestazioni.
    Spiega perche' abbia potuto adattarsi ai vari periodi climatici e dare origine a nuove essenze, fra cui l'uomo.

    Poi vabbe', se vogliamo credere alla lettera che dio ha fatto tutto in sei giorni, galline comprese, facciamo pure, non si muore mica.
    Ma alle solite ci siamo lo stesso, in quanto se io ti chiedo chi ha creato dio, tu mi rispondi che dio e' sempre stato e sempre sara'.
    Allora se io dico che l'esistenza e' sempre stata e sempre sara', cosa dico di sostanzialmente differente da te?
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Mer Feb 16 2011, 22:19

    L'uomo esiste dato che gli abbiamo dato un nome ma la sostanza è praticamente vicina allo zero o tendente a zero, un valore di 0,0000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000009
    poi ho interrotto tanto non si potrebbe quantificare lo stesso, insomma un elemento che si chiama Volontà e che può fare la differenza se appunto viene utilizzata.
    Le strade (secondo me) sono essenzialmente due e premetto che personalmente non sarei neppure spaventato dal dover trovare un ipotetico nulla nel dopo morte. Cmq per chiarezza le due strade si riassumono in:
    1) - credersi liberi di fare tutto quello che vogliamo fino ad arrivare a negare l'esistenza reale, razionale, logica e spirituale che ci arriva dal dentro e che ci direbbe di avere un Padre.
    2) - credere e sperimentare con la ragione con la logica e con la spiritualità il mondo reale dove effettivamente ci stiamo dirigendo ogni giorno che passa sempre un po dippiù e sto parlando del mondo chiamato con il nome dello spirito che lungi dal volerlo considerare come alterità o addirittura come mondo parallelo non è altro che la nostra vita più profonda da vero uomo.

    Dimenticavo di dire che quello che comunemente indichiamo con "uomo" è l'insieme di più elementi da consierare come "dono" prezioso e quindi come un prestito, sarebbero la mente, lo spirito e la personalità e poi un elemento diciamo neutro (l'anima) il vero elemento che caratterizza, che ci caratterizzerà in futuro, il nostro io in proiezione dato dall'elemento mente + l'elmento spirito.

    Quindi nel primo punto si va verso l'annullamento della personalità e con essa si "sparisce" nel nulla, cioè spesso questo atteggiamento viene considerato il male, il peccato o l'iniquità. Il prototipo di soggetto che si diletta in questo tipo di giochi sembra che alla fine del tutto sparisca. Spiego, il Male come significato è un non senso quindi esiste ma è come il Nulla, il soggetto che si identifica nel Male alla fine scompare dalla realtà per non farci mai più ritorno dato che in esso (nel Male) si era identificato.

    Fino ad ora i dubbi non ci sono stati, ovvero ho avuto dubbi su qualcuno qui dentro che poi alla fine si sono rivelati tali ma di quanto io ho vissuto (concretamente e non per teorie) e anche approfondito dal putno di vista teorico non ho avuto mai dubbio alcuno che mi derivasse da qualche utente.

    maybe

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 09.02.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da maybe il Gio Feb 17 2011, 02:40

    Kame ha scritto:L'uomo esiste dato che gli abbiamo dato un nome ma la sostanza è praticamente vicina allo zero o tendente a zero, un valore di 0,0000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000009
    poi ho interrotto tanto non si potrebbe quantificare lo stesso, insomma un elemento che si chiama Volontà e che può fare la differenza se appunto viene utilizzata.
    Le strade (secondo me) sono essenzialmente due e premetto che personalmente non sarei neppure spaventato dal dover trovare un ipotetico nulla nel dopo morte. Cmq per chiarezza le due strade si riassumono in:
    1) - credersi liberi di fare tutto quello che vogliamo fino ad arrivare a negare l'esistenza reale, razionale, logica e spirituale che ci arriva dal dentro e che ci direbbe di avere un Padre.
    2) - credere e sperimentare con la ragione con la logica e con la spiritualità il mondo reale dove effettivamente ci stiamo dirigendo ogni giorno che passa sempre un po dippiù e sto parlando del mondo chiamato con il nome dello spirito che lungi dal volerlo considerare come alterità o addirittura come mondo parallelo non è altro che la nostra vita più profonda da vero uomo.

    Dimenticavo di dire che quello che comunemente indichiamo con "uomo" è l'insieme di più elementi da consierare come "dono" prezioso e quindi come un prestito, sarebbero la mente, lo spirito e la personalità e poi un elemento diciamo neutro (l'anima) il vero elemento che caratterizza, che ci caratterizzerà in futuro, il nostro io in proiezione dato dall'elemento mente + l'elmento spirito.

    Quindi nel primo punto si va verso l'annullamento della personalità e con essa si "sparisce" nel nulla, cioè spesso questo atteggiamento viene considerato il male, il peccato o l'iniquità. Il prototipo di soggetto che si diletta in questo tipo di giochi sembra che alla fine del tutto sparisca. Spiego, il Male come significato è un non senso quindi esiste ma è come il Nulla, il soggetto che si identifica nel Male alla fine scompare dalla realtà per non farci mai più ritorno dato che in esso (nel Male) si era identificato.

    Fino ad ora i dubbi non ci sono stati, ovvero ho avuto dubbi su qualcuno qui dentro che poi alla fine si sono rivelati tali ma di quanto io ho vissuto (concretamente e non per teorie) e anche approfondito dal putno di vista teorico non ho avuto mai dubbio alcuno che mi derivasse da qualche utente.
    Perdonami ma quello che scrivi non e' chiaro.
    Che la volonta' sia rappresentabile da una serie infinita di zero con un numero finale, non significa molto, se non farla apparire come un'entita' a se' stante. Essa e' invece assolutamente manovrabile dalle nostre scelte, e' solo un atteggiamento conseguente, quindi non puo' essere causa prima.
    Da cosa deduci che la nostra logica interna debba portare a farci dire di avere un Padre? Al contrario non vedo nessun padre, se non come figura allegorica usata per spiegare l'apeiron che e' appunto inspiegabile. Ma forse io saro' illogico...
    A me pare invece che tenti di usare parole nuove per esprimere un concetto di divinita' prettamente cristiano, ove e' presente il padre, il peccato, noi qui e lo spirito la', e che vede nella non fede un annullamento progressivo della personalita'. Gia' c'e' una contraddizione, in quanto cercando risposte al di fuori degli schemi, questa fantomatica personalita' casomai si rafforza.
    Infine, altro fatto prettamente cristiano, e' non mettersi in dubbio.
    Di fronte alla tua gaffe Lavoiser-Einstein, non riesci neppure a scrivere "mi sono sbagliato" e passi direttamente all'attacco di un utente, sminuendolo. Al contrario l'utente abramelin18, sia pure in modo corrosivo, ti ha messo di fronte ai tuoi limiti.
    Spero che tu non te la prenda, non voglio dare un giudizio a te, ma solo proseguire una dialettica scritta.
    Se sei cristiano, non aver paura ad esserlo, ma soprattutto a viverlo. Non nasconderti dietro ragionamenti contorti e poco chiari per mostrarti diverso, o piu' avanti.
    Sia il tuo parlare sì, no. Il resto e' solo illusione (demonio).
    con cordialita'
    avatar
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da marakella il Gio Feb 17 2011, 10:18

    La Fede ognuno c'è l'ha per se , la manifesta a secondo la persona in qui si trova di fronte , perche tutti anno una fede , non tutti siamo uguali .Chi promette in buona fede amore eterno e chi ci crede sono ugualmente ingannati: l'uno dal suo buon cuore, l'altro dalla sua vanità.
    NB siete troppo complicati per capire la Fede
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Gio Feb 17 2011, 10:44

    marachella:
    la fede non si capisce semmai si vive, se siamo in un forum è per scambiarci (almeno in teoria) le nostre esperienze. Che non si riesca a comunicare decentemente è anche un limite del mezzo.
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Gio Feb 17 2011, 11:08

    maybe ha scritto:
    Perdonami ma quello che scrivi non e' chiaro.
    Che la volonta' sia rappresentabile da una serie infinita di zero con un numero finale, non significa molto, se non farla apparire come un'entita' a se' stante. Essa e' invece assolutamente manovrabile dalle nostre scelte, e' solo un atteggiamento conseguente, quindi non puo' essere causa prima.
    Da cosa deduci che la nostra logica interna debba portare a farci dire di avere un Padre? Al contrario non vedo nessun padre, se non come figura allegorica usata per spiegare l'apeiron che e' appunto inspiegabile. Ma forse io saro' illogico...
    A me pare invece che tenti di usare parole nuove per esprimere un concetto di divinita' prettamente cristiano, ove e' presente il padre, il peccato, noi qui e lo spirito la', e che vede nella non fede un annullamento progressivo della personalita'. Gia' c'e' una contraddizione, in quanto cercando risposte al di fuori degli schemi, questa fantomatica personalita' casomai si rafforza.
    Infine, altro fatto prettamente cristiano, e' non mettersi in dubbio.
    Di fronte alla tua gaffe Lavoiser-Einstein, non riesci neppure a scrivere "mi sono sbagliato" e passi direttamente all'attacco di un utente, sminuendolo. Al contrario l'utente abramelin18, sia pure in modo corrosivo, ti ha messo di fronte ai tuoi limiti.
    Spero che tu non te la prenda, non voglio dare un giudizio a te, ma solo proseguire una dialettica scritta.
    Se sei cristiano, non aver paura ad esserlo, ma soprattutto a viverlo. Non nasconderti dietro ragionamenti contorti e poco chiari per mostrarti diverso, o piu' avanti.
    Sia il tuo parlare sì, no. Il resto e' solo illusione (demonio).
    con cordialita'

    Che tu abbia travisto completamente quanto ho detto è chiaro da questo post e ho forti dubbi che riesca in qualche modo a fugare appunto questa oscurità che sembra essere qualcosa di strutturale e non di semplice icomprensione ma passo alle spiegazioni.
    La Volontà secondo me è tutto quello che veramente noi siamo o rappresentiamo, quindi siamo viventi in base alla percentuale di Volontà che mettiamo in atto e tutto questo relativamente alla Realtà, che non è da concondere con la realtà di tutti i giorni. La Realtà per me è soprattutto quella spirituale di cui abbiamo la caparra attraverso quel dono che tutti chiamano Spirito e che si potrebbe identificare con quella scintilla che ci fa essere uomini veri, in sostanza da quando la stessa ci fa partecipe della sua presenza ossia da tempo memorabile sin da quando l'uomo riconoscendosi tale iniziò questo cammino di evoluzione.

    Dato che noi siamo solo Volontà si tratterebbe di mettere in azione questa volontà attraverso i mezzi di cui disponiamo e che abbiamo in prestito, ovvero che hanno una durata limitata alla vita umana, quali ad esempio la mente, un grande mezzo se non il mezzo principale per poter accedere attraverso l'uso della Volontà a quella parte alta che identifico con la scintilla. La scelta di cui tu parli è appunto messa in atto dalla mente che attraverso la Volontà applica l'Ideale che lui/lei trova giusto. Questo ideale appunto può essere di natura distruttiva, ovvero che va contro l'ordine di cose instaurato e come lo possiamo anche vedere con i nostri occhi. E anche senza prendere in considerazione quello che chiamo Padre è già sin da subito visibile questo ordine al contempo naturale e soprannaturale. Il Padre non potresti vederlo e questo in tutti i sensi, una creatura umana non può essere partecipe completamente della natura "altra" se non frammentariamente attraverso quella scintilla che in sostanza ci può parlare (non con le parole umane) di questa Realtà. Quindi il non vedere o sentire quello che chiamo Padre è una conferma più che una smentita, infatti la ricerca è sostanziallmente l'aver intuito un qualcosa che ci metta poi nella strada per.......una volta nella strada certamente i km da percorrere sono relativi allo stato dell'auto, al rifornimento e a tanto altro. Se il cammino non è mai iniziato bhé sarebbe anche del tutto fuori luogo parlare di essa, io lo faccio dato che sono in argomento con il forum specifico. Quindi tu non sei illogico semmai sarai non spirituale.

    Il riferimento al "cristiano" non vedo cosa c'entri, si fa sempre tanta confusione con il concetto di Fede, essa è qualcosa di personale e anche trasversale all'individuo, poi che io abbia avuto un retaggio cristiano, anzi cattolico non è un segreto.

    Il concetto che esprimo va al di la della religione di stato o privata che sia (sette o altro) per innestarsi in quel tessuto che non potrebbe essere che universale e che porterebbe inevitabilmente a concepire che avendo un Padre comune siamo tutti fratelli non solo noi abitanti visibile del pianeta terra ma tutti i cittadini visibili e invisibili dell'Universo conosciuto quanto di quelli ancora da scoprire.

    Il fatto di dire mi sono sbagliato cosa c'entra con tutto il discorso? Sapevo che non era stato einstain anche se è una frase nota soprattutto per essere collegata direttamente a lui ma poi se hai letto qualche post di abramelin (che immagino tu non abbia fatto) hai notato che tipo di approccio per non dire di scontro oppone a post che di se non avrebbero nulla di opponibile. Se devo essere chiaro si comporta come un troll e di tutto punto invece mi stai dicendo che sono io quello che ho agito male? Mi sa che non ci siamo.

    La paternale te la potevi anche risparmiare non sono qui in cerca di genitori o di sfoghi, dico semplicemente la mia opinione suffragata dalla vita vissuta e dalle esperienze di 40 anni sulla propria pelle e non ho di certo remore o "vergogne" nascoste da non dover rivelare. La mia posizione con le religioni in genere è quella che cmq sono necessarie (ancora per un po di tempo), quella mia di religione (cattolica) è da diversi anni che ormai l'ho abbandonata ma la ricerca passa anche attraverso la figura di Gesù che è trasversale alle religioni e ne parlo decontenstualizzandolo da tutto il resto, cristianesimo ed ebraismo in primis.

    Dici cordialmente, alla faccia, il tuo parlare sia si o no a seconda l'occasione, per me andrebbe anche bene ma dovrebbe essere per tutti. Ma che senso ha scrivere certe frasi? Te lo sei posto quando le hai scritte? Le hai scritte per me o per te?
    avatar
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 55
    Località : Roma o quasi

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Kame il Gio Feb 17 2011, 11:25

    Dimenticavo, la Personalità non è la qualità degli uomini così come nascono (questo secondo un modo di vedere le cose che non corrispondono con la modalità della visione degli psicologi).
    Per personalità intendo un Individuo ormai divenuto Identità e che quindi ha superato grazie anche all'impegno in una certa direzione tutte le spinte disarmoniche che ci derivano dalla natura o istinti animali. Per me quindi l'uomo di questo genere è l'uomo vero che è stato capace di fare quel percorso che in teoria sarebbe alla portata di tutto ma che non tutti vorrebbero fare. Quindi la Personalità che noi oggi intendiamo normalmente, in questo ambito e per come la uso io non ha senso. Oggi di media l'indidivuo è un insieme di pulsioni naturali incontrollate e quindi lungi dall'essere una Identità vaga nel marasma di quello che gli offre il di fuori (la società) e non si avvicina quasi mai a quel "dentro" che invece sarebbe un inizio vero per approcciare tale valore.
    avatar
    zyg

    Messaggi : 171
    Data d'iscrizione : 29.12.10

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da zyg il Gio Feb 17 2011, 12:13

    Abnego ha scritto:siamo alle solite...........
    il seme viene dal frutto ed il frutto viene dasl seme........
    Perbacco che perspicacia.......!!!
    Un giorno un tipo mi chiese : viene prima l'uovo o la gallina ?
    Naturalmente voleva contraddirmi qualsiasi risposta gli avessi dato.
    Risposi invece. La gallina !
    Viene prima la gallina perchè Dio ha creato la gallina e con lei tutti gli altri animali di questa terra.

    Come fai ad essere certo che abbia creato propriola gallina e non l'uovo prima? Nella bibbia non è propri specificato, magari ha creato tutti gli embrioni per primi.

    Comunque credo che tutto il problema per un cristiano nel credere nell'evoluzione sta nell'anima, non si sa esattamente in che modo piazzarcela l'anima e a quale stadio dell'evoluzione quando l'uomo diventa veramente uomo e non è più animale, ma Vito Mancuso ha una teoria che risolverebeb il problema mi pare nel pensare a diversi stadi dell'anima che si sono evoluti anche questi magari nel progenitore comune a scimmia e uomo era ad uno stadio inferiore, poi nella scimmia si è evoluta in una maniera nella diramazione umana ha preso altre forme non sarebbe tutto più semplice? Il cristiano non dovrebbe più litigare con la scienza
    avatar
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 75
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da abramelin18 il Gio Feb 17 2011, 12:32

    Io ho fede in Allah,in Muhammad,Profeta di Allah e nel Corano che è parola di Dio.
    Inoltre nel Corano ci sono le storie vere di Mosè,di Gesù e Maria.
    Dunque il Santo corano contiene dentro di sè anche il Cristianesimo.

    Scommetto che questa è la fede "sbagliata" mentre la tua è quella giusta?

    Inch'Allah !


    Very Happy Very Happy Very Happy

    Contenuto sponsorizzato

    Re: cos'è la vera fede

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Lun Giu 18 2018, 23:54