NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    Lo specchio di Dio

    Condividi
    admin
    admin
    Admin

    Messaggi : 191
    Data d'iscrizione : 16.12.10
    Età : 63
    Località : catania

    Lo specchio di Dio

    Messaggio Da admin il Ven Dic 24 2010, 02:29

    Il confronto e la condivisione in fondo possono essere in un certo senso sinonimi , di certo sfumano luno nellaltro , l'uomo è a mio vedere la molteplicità dell'UNO , e mentre l'UNO è simbolo di immota perfezione , la Sua infinita molteplicità , diviene contingente , relativa e parziale .
    Per questo l'uomo trova la sua completezza nella sconfinata varietà delle qualità e caratteristiche individuali dell'umanità.

    Se ci riflettiamo ecco spiegato il nostro bisogno ancestrale di socialità , l'uomo si cmpleta e si perfeziona attraverso la comunicazione e lo scambio di consapevolezze , di conoscenze , idee e sentimenti .

    Pensate che scrivere in un forum , possa soddisfare alcuni aspetti delle nostre necessità e promuovere uno scambio osmotico tra noi?????

    ogni uomo è o non è .......uno specchio di Dio??

    jocolor
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Ven Dic 24 2010, 02:38

    Capisco cosa trapela dalle frasi ma non mi sento completamente soddisfatto o identificato con esse.

    Uno specchio riporta fedelmente l'immagine di chi vi si specchi e noi come siamo ora potremmo mostrare se non altro quella piccola parte infranta che aspetta il vetraio per poter essere ri_costituita come integra. E in ragione di questa metafora allora noi (ogni singolo pezzettino rotto) è normale che abbiamo bisogno o anche giusta collocazione nei nostri vicini e altri pezzetti di specchio.

    Ma dico di più, quello che Dio ambisce per noi supera ogni nostra più rosea prospettiva ovvero quella di non solo farci fare da specchio Suo ma di darci la possibilità di uscire fuori dallo stesso e finalmente di stringerGli la mano. Certo anche ora lo potremmo fare ma sarebbe uno scialbo riflesso di un pezzettino di vetro rotto che poco riflette in luce e in purezza.
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Ven Dic 24 2010, 17:01

    L'essere umano è una cellula dell'intero corpo dell'Umanità, fisicamente e .spiritualmente. E l'Umanità è 'potenzialmente' lo specchio di Dio, Deve solo diventalo 'attualmente'; e questo lo fa col comportamento dei singoli.

    Ma nn tutti i singoli sanno di essere parti della stessa Realtà.

    Le leggi di Dio stanno allo spirito come l'ombrello sta al corpo poiché tutto è cielo sereno, ma gli uomini attuali lo rendono burrascoso.


    Ma non tutti seguono le leggi... e questo in nome di una presunta libertà,
    libertà di prendere la pioggia.


    Allora occorre l'ombrello, a chi 'ha capito'!
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Ven Dic 24 2010, 17:26

    Aggiungerei alla metafora dell'ombrello che occorre ritornare sotto l'ombrello dato che fuori piove ma purtroppo quello di prendere l'acqua è una libertà non potrà mai essere costrizione.
    Se è vero che l'uomo fa parte del più grande tessuto che è l'umanità la quale è un organo dei Multiversi così non potremmo dire paragonando il Creatore al Creato.

    In fatti chi tutto crea non ha bisogno di altri se non se stesso,dove inizia termina ma è infinito al contempo e quindi si basterebbe.
    Noi siamo i componenti di una Supremità che è tale invece soltanto con la nostra presenza.
    Ovvero non confondiamo quello che Infinito e come tale non più perfettibile o dipendente da qualcosa con il concetto per es. di una Deità per noi lo stesso ultima e infinita ma che abbisogna di tutti per la perfezione o meglio per la completezza più armonica.
    E con questo non vorrei fare la parte del saccente, sto esprimendo soltanto una personale opinione al di la delle espressioni.
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Ven Dic 24 2010, 21:14


    Egregio, non posso dire che sei chiarissimo. Vediamo:'Aggiungerei alla metafora...'Cosa aggiungresti? la libertà di prendere l'acqua, e che nn può essere costrizione?
    Il Divino ha'costretto' l'Uomo a conoscere il male, perché noi siamo 'costretti' a fare esperienza per avere conoscienza. Allora: not we 'must' to make experience but 'we have to' make experience for to know. Continui:'Se è vero che l'Uomo è una goccia nel Mare dei multiversi lo stesso nn si può dire del Creatore..' bella scoperta! Egli è radicalmete altro!
    'Infatti Chi tutto crea...nn ha bisogno di altro' Come dire? Il Sole nn ha bisogno di emettere luce, esso 'è' luce come Dio 'è' Amore. Amore che è a sua volta relazione fra entità del tutto diverse. Ed Egli Si è relazionaTo a noi con la luce del Suo amore. Ce ne ha fatti partecipi; che è come dire: noi siamo costretti, abbiamo il dovere, di respirare... ma magari fossero così tutti i doveri!
    'La Supremità, la nostra presenza...? ma che stai a di'? Dio per essere tale nn ha alcun bisogno di noi che Lo riconosciamo tale! E' il discorso del respirare di poc'anzi. E' un bene per noi e, se nn fosse contraddittorio e irriverente, direi che a Lui 'nuienep'òfregàdemeno' se il sig.'x' è credente o !no
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Ven Dic 24 2010, 21:42

    Continui:'Ovvero nn confondiamo...' Nn c'è confusione quando si sa che Dio è talmente distante che, quando se Ne parla, non ci si può che riferire alla 'propria' idea di Esso. Del Divino abbiamo conoscenza attraverso le Sue Manifestazioni: Cristo, Muhammad, Buddha etc.;ma Esse sono come uno specchio che riflette la luce del sole. Da un certo punto di vista sono identiche; ma dal punto di vista ontologico sono profondamente differenti: mi scotto se mi espongo troppo al sole e nn mi scotto se mi espongo alla sua luce riflessa da uno specchio. Non so se...
    A questo proposito lasciami dire che, dovendo tutte le Manifestazioni far conoscere Dio ad una Umanità non ancora unita, ha dovuto adeguare il Suo insegnamento alla nostra capacità di intendere, alla nostra cultura, in senso lato.E quindi: molte Culture altrettante Manifestazioni. Ma oggi quando alzando una cornetta telefonica posso parlare con un amico di Tokio, la Mqanifestazione non può essere che Unica. Ebbene Essa è venuTa, nel XIX, in Persia, e l'hanno chiamata Bahà'u'llàh ed i seguaci sono i Bahài. Fondamentalmente il Suo insegnamento e che:
    Siamo fiori dello stesso giardino, onde dello stesso mare.
    E tu pensa, mio caro, che stiamo ancora a fare guerre e discriminazioni religiose!! 'Ma se p'ò!?...' direbbero a Roma.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Sab Dic 25 2010, 02:08

    Caro ahmad46
    tanto ognuno poi rimane della sua e quindi ogni tentazione sfumerebbe in nuvola intatti posso dire che del poco che ho compreso (e mi riferisco ai post ma anche in genere)quello che veramente conta risiede tutto dentro di noi, intendendo con tale espressione di come siamo strutturati.
    Potremmo senza dubbio rivolgerci all'uomo e chiamarlo come una creatura che al cospetto con l'Artefice del tutto è poca cosa o quasi nulla. Anche se nel nostro misero ambiente chiamato Terra ci potremmo vantare di superiorità di ragione e di logica fors'anche di spirito.
    Intendo dire che nostro Padre non ci poteva lasciare soli e che ogni volta che una coppia umana mette al mondo un figlio è un vero Natale e Dio nasce dentro al cuore di ciascuno. Così detto per capirci ma poi direi che di Dio abbiamo veramente la presenza invisibile che ci accompagna da quando incominciamo a ragionare e finché non ci stanchiamo di Lui. Questo per me è il segreto più sconvolgente, detto questo potrei pure fare a meno di tutto quello che una persona ritenuta normale attua in vita, e invece non mi fermo qui......
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Sab Dic 25 2010, 03:13


    Egregio Kame,ora è tardi e vado a letto,prima però di prometterti che domani ti rispondo, vorrei notare che noi non siamo poco o niente: noi siamo le uniche creture - finora conosciute- che hanno coscienza creaturale: che sanno cioè di essere creature ed hanno la 'percezione' del Creatore. E già questo ci carica di responsabilità ed esclude qualsiasi pessimismo e sottostima di noi.
    Quando Cristo diceva '...venga l Tuo regno...' ebbene noi siamo gli 'operai' di quel Regno che costruiamo 'costruendo' noi stessi attraverso delle scelte.
    A domani Smile
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Sab Dic 25 2010, 12:41

    Caro ahmad46,
    innanzi tutto un bun Natale anche a prescindere da usi e costumi,
    io sono convinto che l'uomo in quanto tale non è e non potrebbe essere l'unico essere senziente degli Universi proprio come una cellula del sangue non è l'unica in tutto il corpo umano.
    In me non c'è pessimismo anzi sopra dicevo che basterebbe la considerazione di avere con noi lo Spirito del Padre per non chiedere null'altro dalla vita e dal prossimo ma così per me non sarà, nel limite delle mie possibilità umane voglio contribuire fattivamente alla crescita anche di altre persone che hanno bisogno di conoscere che c'è un nostro Padre comune che ci ama a tutto ed è sempre con noi.
    Secondo me il Regno di Dio o dei Cieli è qui su questa terra ed è pronto ad accogliere ogni popolo di ogni lingua, razza o credo e non ci vuole nulla di particolare l'unico modo è quello di accettare l'idea che abbiamo un Padre comune e che siamo tutti fratelli, e allora il Regno sarà aperto anche a noi, infatti il "rinascere" riguarda questo aspetto, rinascere a questa realtà del Regno.

    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Sab Dic 25 2010, 16:36


    Anch'io penso che nn siamo soli, ed ho difatti aggiunto qualcsa fra perentesi che
    fariferimento ai nostri limiti nel saperlo, poprio per escludere il fatto che,quanto detto, sia vero.
    Quanto aggiungi nella mail mi trova d'accordo, non a caso sono un bahà'i.

    Ci sentiamo.

    Giostella2
    Giostella2

    Messaggi : 116
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 39
    Località : Abruzzo

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Giostella2 il Sab Dic 25 2010, 17:58

    admin ha scritto:Il confronto e la condivisione in fondo possono essere in un certo senso sinonimi , di certo sfumano luno nellaltro , l'uomo è a mio vedere la molteplicità dell'UNO , e mentre l'UNO è simbolo di immota perfezione , la Sua infinita molteplicità , diviene contingente , relativa e parziale .
    Per questo l'uomo trova la sua completezza nella sconfinata varietà delle qualità e caratteristiche individuali dell'umanità.

    Se ci riflettiamo ecco spiegato il nostro bisogno ancestrale di socialità , l'uomo si cmpleta e si perfeziona attraverso la comunicazione e lo scambio di consapevolezze , di conoscenze , idee e sentimenti .

    Pensate che scrivere in un forum , possa soddisfare alcuni aspetti delle nostre necessità e promuovere uno scambio osmotico tra noi?????

    ogni uomo è o non è .......uno specchio di Dio??

    jocolor

    Io sono sempre stata convinta che confronto e condivisione siano l'uno parte dell'altra ....
    e come il mare è formato da infinite gocce, anche l'umanità è formata da infiniti esseri che insieme fanno l'unicità del mondo stesso ....
    In sostanza ogni essere umano ha in sè una precisa idea, un preciso modo di vedere le cose, di affrontare la vita, ma tutte queste idee, possono tranquillamente mescolarsi per formare l'unicità ... Ognuno di noi insomma contribuisce allo splendore della vita stessa, con le proprie idee e con il proprio agire ....
    Si Salvo, anche a mio parere l'uomo può definirsi completo e perfetto, attraverso la comunicazione, attraverso il confronto con i suoi simili, attraverso la condivisione delle proprie idee e dei propri sentimenti, e sono convinta che qualsiasi mezzo ci viene dato è utile a migliorare quello che siamo ...
    Si, dunque, un forum è un ottimo mezzo per potersi confrontare, esprimere le proprie ideee e condividerle con gli altri ....
    E' inevitabile che nei confronti possano esserci degli "SCONTRI" ma ciò che a mio parere ci rende grandi è accettare l'idea dell'altro, magari prendendo qualcosa proprio da questa che possa servire a migliorare noi stessi ...
    Ed è proprio per questo che io amo confrontarmi con altre persone, amo sentire la loro opinione ... si, vero sono anche testarda, ma posso ammettere che da quando faccio parte di piattaforme simili a questo forum, ho migliorato moltissimo il mio modo di pormi di fornte agli altri ed ho imparato anche ad accettare la "diversità" (intesa come idea) perchè so che da questa diversità io posso migliorare ogni giorno sempre di più me stessa! ...
    Un sorriso immenso, dalla piccola Gio.
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Commenti sul mess. di Gioatella2 ad a Admin .

    Messaggio Da ahmad46 il Sab Dic 25 2010, 22:41

    Credo di aver capito in quale senso il confronto e la condivisione sono sinonimi
    quando sfumano l'uno nell'altro: ma quando nn sfumano? perché non è detto che lo facciano sempre: vedi il caso del pregiudizio. Cmq, mi interessava osservare che l'UNO nn è simbolo di immota perfezione. Quella sarà l'idea dell'UNO che molta gente conserva; e della poca incidenza della STESSA nelle loro azioni. EGLI va solo amaTo quale Essere vivente e quindi dinamico; e quale fondamento stesso della nostra divinità/spiritualità.

    In questo senso allora l'individuo diventa depositario di 'una' perfezione dell'UNO e l'Umanità stessa espressione della complessa diversità dello stesso UNO.
    E diffatti concludi la prima parte accennando che la qualità specifica dell'individuo è già nell'idea di Umanità.

    Nella seconda 'stanza' del tuo scritto concludi: 'Ecco spiegato il bisogno ancestrale...'; mah, più radicalmente direi che, essendo il fine della vita (...)
    capire se stessi, è proprio dalla nostra molteplicità che ricavamo la nostra individualità. E proprio attraverso il confronto che, quando vuole essere negazione, diventa scontro.

    Quando un bambino piccolo vuole bere dell'acqua da un bicchiere, hai notato che lo afferra con ambedue le mani? E così facendo non strumentalizza la opponibilita delle due braccia, e quindi delle mani, per afferrare lo stesso bicchiere? Ecco spiegata la potenziale opponibilità fra noi individui.

    Ma quando questa opponibilità è perseguita non per finalità di affetto e di amore, ecco che diventa perfettamente inutile, se non dannosa. Quando è volta alla difesa del mio ego, o della mia idea - che è lo stesso -, oppure alla sua affermazione per motivi di promozione,ad es., non è opponibilità volta solo all'affermazione di se stessa?

    Puoi notare che allora ciò che attribuisce valore ad un gesto è solo il motivo profondo per il quale è agito, motivo che può essere ignoto anche all'agente -cfr. psicoanalisi -; e da questo intendere la grandezza di un Quasmodo:Ognuno sta solo sul cuore della terra...; e la grande opportuntà che ci ha conferito il Divino nel
    crearci in tanti, nel porci in situazioni sociali.

    Da questo punto di vista la società non è altro che il campo ove noi gettiamo il seme di noi stessi. E quando questo verrà capito dai Più ognuno farà in modo di rendere il 'terreno' più fertile, fecondo. E sarà la Pace, il 'Venga il Tuo regno...' di Gesù.

    Per l'aspetto economico-geografico-burocratico Bahà'u'llàh ha scritto
    il Kitab-y-Aqdas, un libro. Il Libro.

    admin
    admin
    Admin

    Messaggi : 191
    Data d'iscrizione : 16.12.10
    Età : 63
    Località : catania

    X AHMAD

    Messaggio Da admin il Ven Gen 07 2011, 01:51

    Ciao.

    anche se con ritardo , accenno un commento alle tue considerazioni , lo scontro è parte integrante del processo di forgiatura della nostra sostanza e personalità.
    se non ci fosse , evidentemente mancherebbe una parte importatnte di tale dinamica , oramai mi sono rassegnato e non lo vedo più come opposizione , ma come puro momento di esaltazione , in uno sfondo nero si vede la lucina anche a smisurate distanze , quindi il superamento in via definitiva delle nostre insicurezze è l'ineludibile traguardo .

    Il concetto di perfezione , io a ben rifletterci , mi appare immota , infatti il movimento presuppone una corrente , un fluire , un andare , ma il moto mi pare sinonimo di qualcosa che và alla ricerca dell'immoto , della stabilità , maquesta è solo una speculazione del pensiero , magari è ben distante dalla Realtà

    UN SALUTO AFFETTUOSO.



    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Ven Gen 07 2011, 16:43

    Le ho già risposto, egregio Admin, ma, data la mia proverbiale inefficienza con questi marchingegni digitali, nn so che fine abbia fatto. Le ho detto che il concetto di Assoluto è parte della nostra mentalità, è il nome che noi stessi diamo a ciò che è immane, grandioso e trascendente,il definitivamente altro-da-noi. Ora, definirLo immoto, statico, è un limitare ciò che è dato per illimitato. Egli, ha creato tutto: il moto è la stasi; e questo poiché il mondo fisico si perpetra con la dualità (cfr. concetto del TAO). Ma sono definizioni utili a noi per far funzionare la capacità di giudizio e conoscenza. In realtà occorre solo conoscere se stessi. E allora si conosce Dio come afferma Bahà'u'llàh. E forse riportando un detto del Corano.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 07 2011, 16:58

    Il concetto di immobilità potrebbe essere giusto se abbinato a quello di Onnipresenza.
    La dove ci sia una presenza Eterna e Onnipotenze è anche indubbio che l'Inesprimibile possa apparire anche come immoto o immobile. Ma se da una parte c'è questo concetto di Immobilità come fulcro o Centro del Tutto dall'altra ci dovrebbe essere anche quella di Eterno in Movimento. Le due cose non si escluderebbero a vicenda anzi sarebbero complementari.
    Ora anche in noi è presente questa duplice suddivisione e se da una parte abbiamo in noi un frammento del Tutto come nella sua natura Immobile e collegato all'Infinito allo stesso tempo ci sarà una parte di noi che avvicinandosi o addirittura fondendosi con la parte Immota determini un qualcosa di altro da quello che consciamo e che consideriamo come IO.
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Ven Gen 07 2011, 17:24

    Mah! L'io è nulla, è quella fantasia che definiamo io. La nostra realtà è l'Io che sta con Dio: che attua il proprio comportamento secondo le Leggi del Divino.
    Colui che è sincero si preoccuperà di sapere quali sono le suddette Leggi per l'epoca attuale; ed allora, più che preoccuparsi di quella fantasia che definiamo 'io' si preoccuperà dei 20.000 di bambini sotto nutriti del mondo, ad es., ed allora edificherà l'Io.
    Un Io che nn è dato una volta per tutte ma è continuamente posto alla prova finché si sta in vita nello spazo-tempo. E, quando gungerà la morte del corpo, per gli induisti,è l'io che dovrà reincarnarsi; l'Io starà in uno degli infiniti mondi di Dio.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 07 2011, 17:37

    L'Io inteso come nostra propria identità limitata è destinato all'annullamento attraverso la dissoluzione e la magra consolazione della reincarnazione forse sopperisce al fatto esistenziale e di paura. Al di la di questo io piccolo che tra l'altro potrebbe anche essere al servizio di quelli che soffrono, tranquillamente, c'è in determinate circostanze anche lo stesso IO che aspira a molto più di tutto quello che mai potremmo realizzare in vita.
    E questo è l'aspetto che di noi continua al di la di tutto quello che mai potremmo concepire qui sulla terra. Infatti nulla gioverebbe tutto il bene del mondo come estratto da una filosofia soltanto umanista senza dell'altro. Invece quello che basterebbe, tanto per iniziare è l'idea di cosa veramente possa essere la nostra Volontà agganciata al discorso Interiore o per capirci di quello definito sopra come specchio di Dio.
    Allora, se siamo convinti che in noi alberghi quel pezzetto di Specchio la nostra fatica consiste non solo nell'aiutare il prossimo (cosa che tutti potrebbero fare) ma mettersi in ascolto dell'Assoluto attraverso questo canale. Per me le cose più importanti sono L'Adorazione Pura di Chi non conosciamo o il pensiero a Lui rivolto e in secondo punto la Preghiera certamente non rivolta allo stesso Ente ma molto a Lui vicino. La pratica di vita nel mondo sarebbe la conseguenza diretta del nostro attaccamento all'Invisibile quindi un riflesso della nostra stesse Forza di Volontà di questo inseguimento.
    I risultati dunque a noi non ci dovrebbero più interessare, quando abbiamo ottemperato questi aspetti (tra l'altro non facili) il resto dovrebbe scorrere da se.
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Ven Gen 07 2011, 19:26

    Se ho ben capito siamo assolutamente d'accordo su tutto. Sei un bahà'i?
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 07 2011, 19:54

    ahmad46 ha scritto: Se ho ben capito siamo assolutamente d'accordo su tutto. Sei un bahà'i?
    Non sono un bahà'i ma tempo fa mi sono interessato a questo aspetto della rivelazione fatta attraverso questa (io la chiamo) comunità. La mia idea è quella di non "agganciarmi" a qualcosa che mi possa mettere "l'anima in pace" è un modo di dire che in sostanza significa stare a posto con la coscienza.

    Per ora vorrei puntare al Cuore e non è facile, tutti i giorni diventa molto difficile ma non mollo.
    avatar
    ahmad46

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 18.12.10
    Età : 72
    Località : Verona - It

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da ahmad46 il Dom Feb 20 2011, 16:45

    Non riesco a reperire l'ultima mail che ho scritto pochi minuti or sono.
    Insomma la suddetta mail è una spiegazione del perché esiste il 'Male'
    è un argomento possente di carattere ontologico. E necessario, oggi che i Più non capiscono perché sono al mondo. Pensate che parlano con aria sapiente ed informata di Crisi dei Valori, come se i ciechi negassero un paessaggio...

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Lo specchio di Dio

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar Mar 26 2019, 15:04