NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Condividi
    avatar
    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Abnego il Mer Feb 16 2011, 02:23

    Per Ibramelin.
    Certamente saprai di quell'uomo che fu crocifisso alla destra di Gesù. Ottenne da Lui una promessa: " Oggi stesso sarai con me in paradiso ".
    Per un attimo usa l'immagginazione e trovati li presente coòe un comune spettatore.
    Vedrai un uomo morto ed un altro che lo guarda........
    Osserva quell'uomo che qualche minuto prima gli ha fatto una promessa ed ora è morto.
    Mettiti un attimo nei suoi panni e considera quanti dubbi abbiano solcato la sua mente.
    Credere a quelle parole.........Parole d'un morto..............
    Da li a poco anche lui morì ( tre ore dopo) e in quello stesso giorno, come gli era stato promesso ritrovò Gesù. Posso immagginarmi con quali parole lo abbia accolto: Te l'avevo promesso ....!!
    Gesù cristo è risorto caro amico d'un forum sperduto nel nostro paese.
    Forse non c'incontreremo mai ma posso assicurarti che un giorno , quando Dio vorrà, ci rincontreremo e non vorrei dirti la stessa frase che Quel ladrone sentì dal Figlio di Dio: Te l'avevo detto...........
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da abramelin18 il Mer Feb 16 2011, 11:26

    Se tu fossi in grado di capire ciò che sta scritto nei Vangeli canonici,capiresti anche l'impossibilità che Gesù abbia parlato di Paradiso.
    Capiresti che la frase è una aggiunta degli scribi del Papa di allora.
    Hai capito ciò che ho detto?
    Certamente no.


    Shocked
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Kame il Mer Feb 16 2011, 14:11

    Direi di lasciar perdere ogni altra argomentazione dato che l'off topic impera ormai da diversi post
    eventualmente si potrebbe proseguire sulla tematica Vangelo-Gesù ed altro nei vari post già aperti oppure aprirne di nuovo.
    avatar
    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Abnego il Mer Feb 16 2011, 18:53

    Per abramelin
    Visto che conosci gl'interventi estranei alla >parola di Dio, certamente conosci invece quelli non manomessi !
    Potresti citarmi qualche frase pura di Gesù Cristo che non è stata manipolata.....??
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da abramelin18 il Gio Feb 17 2011, 12:50

    X ABNEGO.
    Frasi di Gesù non manipolate:
    1: "Prima che Abramo fosse io sono."
    2: "Se il chicco di grano non muore non porta frutto."
    3: "Chi vuol salvare la sua anima la perderà"
    4: "Elia è già venuto ma voi non l'avete riconosciuto."
    5: "Se nella Scrittura David dice:"Voi siete dei." e la Scrittura non può essere annullata....."
    6: "Se voi foste ciechi,non avreste peccato.Ma voi dite:"Noi vediamo" e pertanto
    il vostro peccato rimane." .................ecc.ecc.

    Capito? Se tu dicessi:"Io non capisco nulla dei Vangeli e della Bibbia."
    Allora non avresti peccato.





    Twisted Evil
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Kame il Gio Feb 17 2011, 14:10

    Ancora? ma cosa c'entra tutto questo con il post iniziale?
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da marakella il Gio Feb 17 2011, 15:27

    Abnego ha scritto:Per abramelin
    Visto che conosci gl'interventi estranei alla >parola di Dio, certamente conosci invece quelli non manomessi !
    Potresti citarmi qualche frase pura di Gesù Cristo che non è stata manipolata.....??


    Abnego concordo con te , ora sai che fa va su cerca e trova .Non si può ricordare tutti i versetti , se non li cerca , se io riporto la manipolazione della Bibbia ,sembre su cerca, la versione è diversa della loro bibbia ! 2 poli astratti non attaccano saluti kelly Shocked
    avatar
    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Abnego il Ven Feb 18 2011, 02:11

    Risponedndo a abramelin dovrei dirgli che basta il primo punto per fargli capire che essendo Gesù Dio è Lui da seguire e non Maometto che non ha dato la sua vita per noi e non è risorto........
    Per Marachella invece, credo proprio che tu abbia pienamente ragione !
    Siamo però in questo forum per confrontarci e spero anche per imparare......
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da abramelin18 il Ven Feb 18 2011, 11:52

    E insisti?
    "Se tu fossi solo cieco,non avresti peccato,ma tu dici"Io ci vedo"e pertanto il tuo peccato rimane." ( Vangelo di Giovanni)E sarà eterno perchè in eterno tu dirai"Io ci vedo" e non sarà vero.
    Coloro che "vedono" hanno spiegato così il concetto di"Peccato contro lo Spirito Santo."
    Oppure:tu stai morendo di sete e desideri l'acqua ma il tuo calice è pieno di fango.
    Ma tu non vuoi buttare via quel fango e così l'acqua non può esser versata nella coppa e tu morirai di sete.(Il Santo Graal)
    Ovviamente non hai capito niente di ciò che ho detto ,dico bene?


    Shocked
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da marakella il Ven Feb 18 2011, 16:49

    Abnego ha scritto:Risponedndo a abramelin dovrei dirgli che basta il primo punto per fargli capire che essendo Gesù Dio è Lui da seguire e non Maometto che non ha dato la sua vita per noi e non è risorto........
    Per Marachella invece, credo proprio che tu abbia pienamente ragione !
    Siamo però in questo forum per confrontarci e spero anche per imparare......

    Non riporto ne versetti nulla , credo che appena nati abbiamo già un destino , ognuno la sua strada prende , io ho presa quella del bene , il male non lo conosco , come non conosco l'italiano perfetto , ormai la mia strada e questa !!fare del bene a chi necessita ,e scrivere quello che ho imparato sul percorso della mia vita , non posso cambiare ora .Il resto lo sapete voi saluti kelly
    avatar
    Abnego

    Messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 09.02.11
    Località : roma

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Abnego il Ven Feb 18 2011, 19:29

    Per abramelin
    Se uno chiude un discorso con :
    " naturalmente non hai capito niente........."
    Quale risposta pensi di ricevere se non: Si, non ho capito niente..........!
    Addio...............
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Kame il Ven Feb 18 2011, 20:08

    E' evidente che c'è un problema Very Happy
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da abramelin18 il Ven Feb 18 2011, 22:10

    Il problema è che lui dice di vederci benissimo e dice che la neve è a righe nere e rosse.E anch'io dico di vederci bene ,ma dico che la neve è bianca.
    Ma io dico che è bianca perchè la vedo,lui invece non la guarda e dice che è nera e rossa perchè l'ha detto Dio!
    Very Happy Very Happy Very Happy
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da marakella il Ven Feb 18 2011, 22:17

    abramelin18 ha scritto:Il problema è che lui dice di vederci benissimo e dice che la neve è a righe nere e rosse.E anch'io dico di vederci bene ,ma dico che la neve è bianca.
    Ma io dico che è bianca perchè la vedo,lui invece non la guarda e dice che è nera e rossa perchè l'ha detto Dio!
    Very Happy Very Happy Very Happy

    ma chi ha dato il nome ai colori? bianco ,rosso, verde azzurro , rosa paglerino , rosso porpora
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da abramelin18 il Sab Feb 19 2011, 11:37

    Scommetto che è stato Dio !
    Proprio così: infatti la Santissima Trimurti è formata dal Padre : Brahma (giallo)
    Dal Figlio: Vishnù (azzurro)e dallo Spirito Santo: Shiva (Rosso.)

    Hare Krishna.
    cherry
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da marakella il Sab Feb 19 2011, 14:05

    abramelin18 ha scritto:Scommetto che è stato Dio !
    Proprio così: infatti la Santissima Trimurti è formata dal Padre : Brahma (giallo)
    Dal Figlio: Vishnù (azzurro)e dallo Spirito Santo: Shiva (Rosso.)

    Hare Krishna.
    cherry

    Esiste tanti colori non solo i colori scritti da te .I colori sono stati inventati da chi era di dovere: cioè che Dio gli a dato l'indelletto, piu' vasto di noi , con la scienza siamo arrivata a questo punto . Very Happy Very Happy Very Happy
    avatar
    io_Pasquino

    Messaggi : 138
    Data d'iscrizione : 17.02.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da io_Pasquino il Lun Feb 21 2011, 14:16

    Si Vabbé .... i colori ... la strada nel bosco ...

    La strada della vita c'é la dobbiamo "Asfaltare e Spianare" da soli ... altro che destino ...

    Quella "Strada" devessere plasmata secondo i Nostri "Piedi" interpetrativi della nostra esistenza temporale.
    E se é così ... chi meglio di noi stessi già SA cosa vuole fare nel Percorso della vita ...?

    Purtroppo si é di solito cercare le strade gia Spianate e Asfaltate a priori da altri, per cui poi ci si lamenta che non é adatta a noi ... e che c'é ne voleva un'Altra più Autentica (per noi) da percorrere ...

    Come per esempio le strade anche Nostrane delle religioni e delle Filosofie metafisiche già confezzionate ...

    Cioé, Ognuno poi alla Fin Fine, di strade percorre solo la Sua ... anche se non gli sembra affatto una strada ma un impervio percoso Rigido e pericoloso ... solo perché non é stato capace di Spianarsela ai propri comodi interpretativi.

    Anche perché i "Margini" di manovra sono molto Risicati ....
    Nel senso che (Forse) é possibile (A secondo la la propria sensibilità e capacità) spianare quella che percorreremo da Domattina fino a Sera (Forse) ... ma già se vorremmo spianarcene una per Dopodomani o oltre ... Boh ! ... Quien Sabe Come farà ... a sapere cosa gli servirà a quel tempo al di la da Divenire ...?

    La vita esige un "Percorso" ad Itinere ... senza soluzioni Forzose di Continuità ...

    E Duopo perciò a mio modestissimo parere, conoscere prima SE stessi ... almeno sufficiente-Mente bene, e poi scoprie cosa cavolo vuol fare nella propria Vita ... anche perché cosa si Vuole di più dalla Vita ... a parte un "Lucano" naturalmente ... se non "FARE" quello che più ci piace e ci appaga ...?
    (Altruismi Compresi)

    Se poi dovesse esistere il Destino ... sai che fregatura sin dall'Inizio del percorso ...

    E infatti, Poi:

    Se DIO non esiste come la mettiamo ...?

    Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Pasquino Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da marakella il Lun Feb 21 2011, 16:22

    Giostella2 ha scritto:

    Kella il mio senso di disagio ... forse non sono stata in grado di descriverlo corrrettamente .... credo che sia dentro di me! Sono cattolica anche io o almeno l'educazione che mi è stata data, glli insegnamenti che mi sono stati dati, erano tutti in base alla strada del cattolicesimo ... ma vedi, quello che voglio dire è che io non ho bisogno di vedere un crocifisso da vicino per sapere ed avere sempre in mente le sofferenze a cui Gesù è andato incontro per la ssalvezza dell'uomo ... non ho bisogno di recarmi in chiesa per tenere sempre in mente quello che Gesù ha fatto per noi .... La mia domanda, visto che io mi sento più vicina a Dio quando sono sola con me stessa nella mia casa, è: è possibile che in me ci sia questa sensazione? E' possibile che Dio lo senta più vicino a me qui nella mia dimora piuttosto che nella sua?!?!?! E poichè è un periodo che non vado più a messa, io sono una cattiva Cristiana/Cattolica?!?!?!?!? Ecco questo è ciò che mi turba!!!!

    L so che sei cattolica , io invece non spesso , devo andare in chiesa a pregare di fronte al crocefisso almeno farmi vedere , una visita non costa nulla , anche se è una statua , guardando il volto di Cristo , mi da la gioia , e la forza di spirito per iniziare il cammino spirituale , se pensi che ci dormo con un crocifisso sotto il cuscino , ti vien da ridere , invece se mi viene a mancare , sono morta ,lo cerco ovunque lo trovo sempre , questo crocefisso che io ci dormo , e' stato perso da qualche frate io lo trovato , ora dimmi tu cosa fare gettarlo nella pattumiera , la coscienza non l'apporta...., e lo con me da 20 anni .Ho pensato un giorno che dovessi morire di portarmelo dietro cremata con me saluti cari kelly
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da abramelin18 il Mar Feb 22 2011, 15:08

    Quel crocifisso di cui parli tu ha anche un cerchio con delle scritte?
    Perchè Domenica scorsa ne ho trovato uno.
    Cool
    luomodelponte
    luomodelponte

    Messaggi : 420
    Data d'iscrizione : 17.12.10

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da luomodelponte il Mar Feb 22 2011, 18:11

    io_Pasquino ha scritto:La strada della vita c'é la dobbiamo "Asfaltare e Spianare" da soli ... altro che destino ...
    Quella "Strada" devessere plasmata secondo i Nostri "Piedi" interpetrativi della nostra esistenza temporale.
    E se é così ... chi meglio di noi stessi già SA cosa vuole fare nel Percorso della vita ...?
    Purtroppo
    si é di solito cercare le strade gia Spianate e Asfaltate a priori da
    altri, per cui poi ci si lamenta che non é adatta a noi ... e che c'é ne
    voleva un'Altra più Autentica (per noi) da percorrere ...
    E
    Duopo perciò a mio modestissimo parere, conoscere prima SE stessi ...
    almeno sufficiente-Mente bene, e poi scoprie cosa cavolo vuol fare nella
    propria Vita ... anche perché cosa si Vuole di più dalla Vita ... a
    parte un "Lucano" naturalmente ... se non "FARE" quello che più ci piace
    e ci appaga ...?
    (Altruismi Compresi)
    Se poi dovesse esistere il Destino ... sai che fregatura sin dall'Inizio del percorso ...
    E infatti, Poi:
    Se DIO non esiste come la mettiamo ...?

    Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Pasquino Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing
    Sono
    perfettamente concorde con te ,il cammino è , seppure condivisibile,
    nelle necessità che lo rendeno mutevole e personale, una alchimia unica
    ed irripetibile , come siamo ognuno di noi del resto.
    Adesso credo si tratti di trovare la bussula divina che ci orienti senza errore nè timore. Wink
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da marakella il Mar Feb 22 2011, 21:31

    abramelin18 ha scritto:Quel crocifisso di cui parli tu ha anche un cerchio con delle scritte?
    Perchè Domenica scorsa ne ho trovato uno.
    Cool

    Certo che ci sono le scritte di certo se là perso un frate , è quai chi me lo tocca!!!!!!!!!!!!!!!!! sunny
    avatar
    io_Pasquino

    Messaggi : 138
    Data d'iscrizione : 17.02.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da io_Pasquino il Mar Feb 22 2011, 22:22

    Citazione di: Luomodelponte:
    ... Adesso credo si tratti di trovare la bussula divina che ci orienti senza errore nè timore

    ... DIO Bono ... e per quale ragione la "Bussola" dev'Essere per forza ... "Divina" ...?

    Per un Credente va bene ... ma per un Ateo come ME ... Che se ne fa delle Divinità religiose e Metafiche ...?

    A me basta e avanza le esperienze Mie e quelle Altrui ( se condivise ) ... specie se le mie son poche ...

    Che ci si "Orienti" senza timore a me sta pure bene ... non capisco invece perché ci si debba pure affrancare dall'Errore ... se proprio dall'errore si arricchisce l'esprienza ... se se ne fà "Tesoro" però.

    Non si dice che: "Chi Sbaglia Impara ...?"

    Cioé ... se una sbaglia a fare una cosa ... da ora in poi la evita ... e invece ...

    ... e invece é il voler a tutti i costi "Divinizzare" il Proprio cammino che proprio non capisco ...

    Anzi non capisco proprio cosa ci sia di "Divino" nella Quotidianità della Propria esistenza ... specie se Farcita di preghiere, Crocifissi, Immagini, e altri Feticci del Genere, insomma di tutte quelle cose Archetipe cho sono espressioni dell' inconscio collettivo fritto e rifritto.

    Ogni cosa é Vero, può essere impiegata e funzionare da Simbolo, ma alcuni Simboli pur se hanno una ricorrenza universale (Cattolica), che rimanda all' esistenza di quelli che Jung chiama archetipi , cioè letteralmente modelli: "... i simboli non sono altro che trasformazioni della libido, nelle quali si esprimono gli archetipi ". (Parole di: Carl Gustav Jung)

    E LUI certe cose le sapeva davvero ...!

    Cioé, che gli archetipi non sono idee, ma possibilità di rappresentazioni delle proprie "Pulsioni" emotive, ossia disposizioni a riprodurre forme e immagini virtuali, tipiche del Mondo e della Vita, le quali corrispondono alle esperienze compiute dall' Umanità nello Sviluppo della Coscienza ... Errori compresi ... é Pacifico.

    Tanté che ogni individuo li avverte come bisogni e li può esprimere in modo storicamente variabile, secondo le diverse situazioni etniche, nazionali o familiari.

    In tal modo PERO', l'inconscio collettivo, attraverso gli archetipi, può condizionare e dirigere la condotta dell' individuo nei suoi rapporti col mondo, inducendolo a ripetere all'INFINITO esperienze collettive spessimo (Quasi Sempre) Negative e quindi, ostacolandolo nel suo NECESSARIO ulteriore sviluppo, guidandolo Mala-Mente e bloccandolo, nei suoi progetti, sempre sulle stesse Mete a mio avviso decisa-Mente sbagliate.

    Sennò come si spiegherebbe che l'Umanità fa sempre gli stessi errori storici da ... "Sempre" ...?

    Un Saluto cordiale, a Tutti gli amici di "Merende".

    Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Pasquino Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked



    P.S.
    "La parola credere è una cosa difficile per me. Io non credo. Devo avere una ragione per certe ipotesi. Anche se conosco una cosa non è detto che debba crederci."
    ( Carl Gustav Jung )

    luomodelponte
    luomodelponte

    Messaggi : 420
    Data d'iscrizione : 17.12.10

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da luomodelponte il Mer Feb 23 2011, 20:10

    io_Pasquino ha scritto:Citazione di: Luomodelponte:
    ... Adesso credo si tratti di trovare la bussula divina che ci orienti senza errore nè timore

    ... DIO Bono ... e per quale ragione la "Bussola" dev'Essere per forza ... "Divina" ...?

    Per un Credente va bene ... ma per un Ateo come ME ... Che se ne fa delle Divinità religiose e Metafiche ...?

    A me basta e avanza le esperienze Mie e quelle Altrui ( se condivise ) ... specie se le mie son poche ...

    Che ci si "Orienti" senza timore a me sta pure bene ... non capisco invece perché ci si debba pure affrancare dall'Errore ... se proprio dall'errore si arricchisce l'esprienza ... se se ne fà "Tesoro" però.

    Non si dice che: "Chi Sbaglia Impara ...?"

    Cioé ... se una sbaglia a fare una cosa ... da ora in poi la evita ... e invece ...

    ... e invece é il voler a tutti i costi "Divinizzare" il Proprio cammino che proprio non capisco ...

    Anzi non capisco proprio cosa ci sia di "Divino" nella Quotidianità della Propria esistenza ... specie se Farcita di preghiere, Crocifissi, Immagini, e altri Feticci del Genere, insomma di tutte quelle cose Archetipe cho sono espressioni dell' inconscio collettivo fritto e rifritto.

    Ogni cosa é Vero, può essere impiegata e funzionare da Simbolo, ma alcuni Simboli pur se hanno una ricorrenza universale (Cattolica), che rimanda all' esistenza di quelli che Jung chiama archetipi , cioè letteralmente modelli: "... i simboli non sono altro che trasformazioni della libido, nelle quali si esprimono gli archetipi ". (Parole di: Carl Gustav Jung)

    E LUI certe cose le sapeva davvero ...!

    Cioé, che gli archetipi non sono idee, ma possibilità di rappresentazioni delle proprie "Pulsioni" emotive, ossia disposizioni a riprodurre forme e immagini virtuali, tipiche del Mondo e della Vita, le quali corrispondono alle esperienze compiute dall' Umanità nello Sviluppo della Coscienza ... Errori compresi ... é Pacifico.

    Tanté che ogni individuo li avverte come bisogni e li può esprimere in modo storicamente variabile, secondo le diverse situazioni etniche, nazionali o familiari.

    In tal modo PERO', l'inconscio collettivo, attraverso gli archetipi, può condizionare e dirigere la condotta dell' individuo nei suoi rapporti col mondo, inducendolo a ripetere all'INFINITO esperienze collettive spessimo (Quasi Sempre) Negative e quindi, ostacolandolo nel suo NECESSARIO ulteriore sviluppo, guidandolo Mala-Mente e bloccandolo, nei suoi progetti, sempre sulle stesse Mete a mio avviso decisa-Mente sbagliate.

    Sennò come si spiegherebbe che l'Umanità fa sempre gli stessi errori storici da ... "Sempre" ...?

    Un Saluto cordiale, a Tutti gli amici di "Merende".

    Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Pasquino Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked



    P.S.
    "La parola credere è una cosa difficile per me. Io non credo. Devo avere una ragione per certe ipotesi. Anche se conosco una cosa non è detto che debba crederci."
    ( Carl Gustav Jung )

    Capisco che non credere realistico che le leggi che governano la natura , siano espressione di un Mente Suprema , simbolo e rappresententazione di concetti che per noi sono limiti invalicabili , possa suscitare una certa opposizione alle mie affermazioni , ma ugualmente mi sono sorpreso a leggerti , anche perchè condivido molta parte di ciò che hai scritto.
    Pertanto ti dò il mio personale benvenuto ed apprezzamenti.
    Perchè la bussola deve essere divina ??.... già perchè ....!?
    La visione che ho sviluppato in questi anni non mi lascia dubbi , tutta la civiltà umana è stata promossa e guiidata da Persone Speciali ,che ci hanno orientato , amato ,esemplificando il cammino verso lo spirito ed inducendo la nostra evoluzione e civilizzazione.
    L'uomo per natura appartiene al regno animale , ed in quel regno l'anima è solo un seme invisibile, mentre Dio attraverso i suoi Maestri lungo le ere ci ha educato e tratto verso il regno dello spirito , del pensiero , della conoscenza e saggezza e della civiltà, che altro non sono che espressione della nostra natura superiore o divina .
    Attenzione che quando adopero il termine divino , non mi riferisco all'infantile concetto cattolico , ma in questo caso lo metto i contrapposizione , alconcetto di inferiore ed automatico , quindi come ho più volte detto , noi partecipiamo di una natura automatica inconscia reattiva ed istintuale , ma la nostra natura divina potenziale si manifesta man mano che sviluppiamo consapevolezza , autodeterminazione , volontà personale , conoscenza ecc.
    Io purtroppo dimentico che certe parole hanno un signifiocato emotivo di superstizione , arretratezza e oscura tradizione ... un vero disastro e un ostacolo formidabile verso la realizzazione di sè.
    In questo contesto , la "bussola" per mè che sono bahai , non sono altro che i principi , fondanti , cardine dell'ultima tra le
    "rivelazioni " , i quali altro non sono che l'acme del pensiero umano per questa nuova era.
    Senza tali principi è impossibile attuare una adeguata comprensione della storia passata presente e futura.
    Naturalmente un principio, un concetto esplicativo è privo di qualsiasi etichetta di parte o faziosità è solo uno splendore di pensiero che illumia la Realtà, pertanto anche se disvelati nel 1844 da Bahà'u'llàh il loro carattere universale (non cattolico ha ha ha )ne fanno luce per tutta l'umanità , bahai e non .
    alcuni principi bahai

    Sono perfettamente d'accordo con te , non vi è errore che non guda verso il vero , ma riuscire ad imparare dai propri errori è non solo uno stadio elevato , ma molto difficile .
    Riguardo la percezioe del sacro che dona gioia interiore e grande sigificato e dignità ad ogni singolo attimo del nostro esistere , è un dono che possiamo ricevere solo man mano che ci inoltriamo nella trama spirituale della vita , e man mano che svuotiamo il canale dell'anima che ci collega al sesto senso o occhio spirituale .
    Interessante la tua disamina sugli archetipi , mentre sul concetto di libido rischiamo di creare confusione , poichè in ambito Froidiano rappresenta la pulsione sessuale , in ambito Junghiano pare sia solo l'energia pschica , pertanto non entro nel merito.
    Mentre gli archetipi è un discorso molto complesso , forse parallelamente a quanto accade nell'animo di ognuno , nel quale appaiono , istinti , pulsioni , condizionamenti , e aneliti , anche nell'inconscio collettivo esistono varie forze che agiscono in concomitanza .
    La mia posizione privilegiata è che gli archetipi siamo rappresentazioni simboliche del mondo da cui proveniamo e avrebbero a che fare con la stessa mente divina o natura divina , che poi tali mattoni del pensiero possano essere deturpati in un inconscio colettivo malato e decadente , ciò mi appare possibile .
    Ma è una frontiera dell'indagine difficile e complessa , sono ben felice di poterne discutere anche più avanti.
    Credo di averti risposto pienamente ....aspetto con piacere , la tua replica ....
    ciao
    p.s. compagni di merenda ? li conosco??
    ciao alien
    avatar
    io_Pasquino

    Messaggi : 138
    Data d'iscrizione : 17.02.11

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da io_Pasquino il Dom Feb 27 2011, 20:26

    Che l'Uomo appartenga al regno animale non ci sono dubbi di sorta, ed é per questo motivo che era, ed é tutt'ora difficile per me intenderlo, un essere divinizzato, se per divino si vuole intendere come sinonimo di derivazione di DIO Trascendente.

    Anche se a onor del vero, il termine "divinità" Oggi può essere usato tranquilla-Mente anche per indicare tipi di entità Umane (Bahà'ì - come voi credenti li chiamate) "Formate" da Persone Speciali alla Guida orientativa del sapere umano, alla formazione delle coscenze e della consapevolezza del "SE" nell'ambiente circostante ... cioé uomini distinti per essenza dalle Manifestazioni che a loro volta sono cosa distinta per essenza dal DIO propriamente detto ... come il suo credo le insegna. (Cioé Riflessi manifestati Dallo specchio solare del DIO - ovvero DIO é una "Cosa" e i "Riflessi" un'Altra "Cosa")

    Io però sono ferma-Mente convinto che ognuno di noi, Tutti noi Uomini di buona volontà siamo atrettanti Bahà'ì, nel senso che comunque Riflettiamo la stessa Divinità dello spazio e del tempo seppur con "Intensità" diverse per ognuno ... se per Divinità si intende la Natura stessa dell'Esistenza delle cose che ci circondano natural-Mente.

    Non necessaria-Mente deve Esistere un DIO separato di Netto in Individualità e Sostanza dalla natura di cui egli stesso appartiene.

    Ho sempre pensato che anche noi Tutti individual-Mente siamo DII, magari Minori o superiori ad altri, in Consapevolezza ed Esperienza, e se me lo permetti anche in Malvagità.

    Cioé se noi siamo il suo "Riflesso", anche le "Nostre" malvagità proviene dal "Riflesso" di quella "Luce Solare" del DIO in Trattazione.

    Ma forse, quel DIO Persona, che Tutti o quasi tutti vorrebbero Vivo Vegeto e Reale non Esiste da Nessuna parte.

    Tanté che ciò che realmente non si può dimostrare è che DIO esista.

    Se esistesse una dimostrazione della sua esistenza non servirebbe la fede.

    Per me accettare l'esistenza di Dio implica negare l'esistenza di quasi tutto il resto.

    Perché la sua esistenza così, come dai mistici immaginata è semplicemente la negazione dell'esistenza = è tutto è cioè niente, non ha tratti distintivi, non è un soggetto, non se ne può parlare, é come dalla sua fede stessa affermata:é Inconoscibile, quindi inesistente.

    Dio per ME, é tutto una Tautologia.

    Il termine DIO per ME è un contenitore vuoto che ha per significante "Tutto" e per significato "Un tutto Antropomorfizzato".

    Inoltre: la mente non può concepire l'unità degli opposti, perchè equivarrebbe al proprio suicidio psichico ...

    Quindi se da una pura IPOTESI poi ... scaturisce anche una Fede, è, e deve Essere per forza di cose una ... pura Credulità intellettuale sfociante infine nell'Inconscio collettivo ...

    ... Dalla quale poi scaturisce per ognuno dei Fedeli, la Necessità, credendo di Possedere una Veritas ultima da "Appioppare", o se credi da: Proporre agli altri ... come se fosse un vangelo Rivelato Personalmente obbligatoria-MENTE divulgativo e sacra-MENTALE.

    ODDIO ... (si fa per dire) ... che poi la coscienza di "qualcuno" possa esprimere la/una qualsiasi verità, mi lascia alquanto perplesso ... "seppur nella misura della sua maturità", cioè Si, Intima, ma decisa-Mente alquanto ... "Personale" ... e mi dimostra sempre di più la veridicita della affermazione di Protagora di Abdera:

    " L'uomo è la misura di tutte le cose, di quelle che sono in quanto sono e di quelle che non sono in quanto non sono"

    Evidenziando che di ogni cosa si può discutere con pari attendibilità da punti di vista opposti, ed anche di questo stesso principio, se cioè ogni cosa si possa discutere da opposti punti di vista.

    La verità cioé, non è qualcosa di dato una volta per sempre (assoluta), non è qualcosa che aspetta di essere rivelato a uomini ignari da una superiore casta di sapienti Bahà'ì di Turno ... e nemmeno dalle proprie superstizioni/sensazioni di quella parte intima di noi stessi, confondendo la coscienza che "Esprime" verità, seppur nella misura di "Se stessa".

    Sofocle canta nel "Primo Stasimo dell'Antigone": "Molti sono i prodigi, ma terribile quanto l'uomo (nelle sue affermazioni) non v'è nessun prodigio".

    Protagora di sicuro avrebbe potuto sottoscrivere questo verso Sofocleo.

    Appunto perché l'uomo, che sa che ogni conoscenza è relativa, trova in affermazioni esistenziali di un DIO Persona, una forma di felicità consolatoria e non si rassegna alla sospensione del giudizio ... del proprio giudizio natural-Mente.

    La metafisica a Me insegna solo quello che è in grado di offrire, vale a dire un’alternativa vaqua, illusoria, inconcludente, immaginaria del mondo, ma così facendo compie però il delitto peggiore, cioè quello di allontanare ed alienare l’Uomo dal mondo reale che di FATTO gli appartiene per Diritto di Nascita, viverlo, "Assaggiarlo" e consumarlo come meglio crede.
    Saranno poi le Esperienze negative a guidarlo nel Futuro all'Equità esistenziale tra i suoi simili e Non, del regno animale.

    Un caro Saluto a Tutti.

    Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Pasquino Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
    luomodelponte
    luomodelponte

    Messaggi : 420
    Data d'iscrizione : 17.12.10

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da luomodelponte il Dom Feb 27 2011, 21:49

    il problema più grave che mi ha fatto perdere tre o quattro decenni di questa fugace vita terrena è da ricercare nelle proposizioni cattoliche cui tutti noi siamo stati esposti , sin da piccoli in una cultura dei luoghi comuni e di dottrine e conoscenze di terza e quarta mano , tutta roba scadente e introettata solo per sentito dire.
    Siamo stati contaminati fin dentro il modo di pensare , e a nulla è valso reagire , e rifiutare tutto il vecchiume che chiaramente si riusciva a distinguere , il più malevolo era penetrato ed era ben nascosto nei pensieri reconditi.
    L'idea che ci hanno inoculato di Dio è solo la maldestra rappresentazione di superstizioni erronee e inutilmente ingombranti.
    Ad essa si acompagnano sentimenti e pensieri confusi e conflittuali , misti a gorgoglii di rifiuto da un lato ma di desiderio dall'altro .
    Un bel pasticcio , e in tale condizione l'animale che è in noi non può che prevalere in ogni occasione ., primeggiando e occupando ogni spazio vitale dentro di noi.

    Dio Infinito è per necessità di cose , separato da noi esseri limitati e finiti .
    Il concetto di Dio esprime l'essenza assoluta , inesplicabile di tutte le esistenze e di ogni individualità , è una Realtà insondabile ed inaccessibile .
    Tutto ciò che abbiamo immaginato ora è chiaro è solo pura illusione.
    Dobbiamo ricordarci che il pensiero è nell'essere umano espressione più elevata della natura divina .
    E il pensiero fiero della sua capacità ingenuamente a volte ci sospinge in ambiti di indagine al limite delle nostre possibilità.
    Se analizziamo realisticamente la nostra condizione , potremmo percepire che noi rappresentiamo il nulla , e di fatto non esistiamo nè esistevamo come realtà autonoma , ma attraverso la natura animale , si aprono per tutta la durata della vita ,delle finestre di opportunità ed essa tenta in ogni modo di trarci verso la consapevolezza e verso la coscienza di sè e della libertà che ci è stata offerta .
    La nostra malvagità , come tu dici credo che sia solo il riflesso di una natura che ci sospinge a privilegiare la nostra persona ed individualità , è da riferirsi alla naturale sfera di istintualità di base .
    Così tutti hanno l'opportunità di innalzarsi al di sopra della animalità , pervenendo agli albori della realtà spirituale o divina che ospitiamo potenzialmente nelle profondità inconscie del nostro animo.
    Il mondo della natura ci riserva conflitti , violenza e dolore , il Regno dello spirito ci prospetta , armonia , gioia e felicità , ma anche sacrifici e sforzo di essere, e l'esercizio della volontà.
    Quindi Dio è dentro di noi , in quanto è possibile risuonare in empatia con qualità e consapevolezze che nella natura non troviamo , ma ci è stato tramandato essere qualità e consapevolezze tipiche del Dio , orbe di tutto ciò che esistse.
    Ecco perchè i raggi , ed ecco perchè il Sole .e noi tutti specchi da ripulire , al fine di riflettere al massimo grado possibile la bellezza e lo splendore .
    Spero di averer centrato un poco gli argomenti da te esposti .... un caro saluto ... ciao. alien

    Contenuto sponsorizzato

    Re: QUAL'è LA MIA STRADA? PERCHè NON RIESCO A TROVARLA?

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar Mar 26 2019, 15:47