NUOVA ERA.

Cari amici benvenuti ...

questo forum ,nasce come momento di confronto ,in uno spazio libero in cui ognuno possa esprimersi al meglio, secondo ciò che sente .
Nei forum in genere la figura del moderatore se da un lato evita eccessi e conflitti , dall'altra rischia di esautorare alcune modalità di relazione , nella loro più realistica anche se a volte cruda e rozza dinamica di interazione.

Con ciò non si vuole però giustificare scontro , violenza ed offesa ,ma solo evidenziare che nel confronto un certo grado di conflittualità pare sia quasi fisiologica ed inevitabile , e che imparare da se stessi , evitando di cadere in una spirale di reazioni di attacco e difesa è un'arte imprescindibile , come basilare presupposto di una concreta maturità personale.

Nella speranza che questo forum rimanga un'isola sperimentale , autogestita ed automoderata ,proponiamo alcune linee guida che magari potrebbero garantirne un certo successo, le potete approfondire qui :

http://nuovaera.forumattivo.it/t2-16-dicembre-2010-nasce-questo-nuovo-spazio-di-condivisione-premesse

Clicca sul tasto REGISTRARE per entrare nella comunity , è gradita una piccola presentazione , quindi apri tutti le discussioni che desideri nelle aree di tuo interesse e ...............grazie di esserci !!


NUOVA ERA.

Idee, visioni, emozioni, sentimenti e sentieri a confronto.


    Che ne pensate??

    Condividi
    luomodelponte
    luomodelponte

    Messaggi : 420
    Data d'iscrizione : 17.12.10

    Che ne pensate??

    Messaggio Da luomodelponte il Ven Dic 31 2010, 17:01

    Una volta il Buddha entrò in un villaggio. Era l'alba e il sole stava per sorgere. Un uomo venne da lui e gli disse: «Sono un ateo, non credo in Dio. Tu che ne pensi? Dio esiste?».

    Il Buddha disse: «Solo Dio è. Non esiste altro che Dio, ovunque».

    L'uomo rispose: «Ma mi era stato detto che eri un ateo!».

    «Devi aver sentito male» rispose il Buddha. «Io sono un teista. Adesso lo hai sentito dalle mie stesse labbra. Io sono il più grande teista mai esistito. Dio c'è, e non esiste altro all'infuori di lui.» L'uomo rimase immobile sotto l'albero con un senso di disagio, mentre il Buddha continuò per la sua strada.

    A mezzogiorno arrivò un altro uomo che disse: «Sono un teista. Sono un fermo credente in Dio. Sono un nemico di tutti gli atei. Sono venuto a chiederti: "Cosa pensi dell'esistenza di Dio?"».

    Il Buddha disse: «Dio? Non esiste, né potrà mai essercene uno. Non c'è alcun Dio, in modo assoluto».

    L'uomo non riusciva a credere alle sue orecchie: «Cosa stai dicendo? Avevo sentito dire che in questo villaggio era arrivato un uomo di religione. Ecco perché ero venuto a chiedere se Dio esiste. Ma tu stai dicendo il contrario».

    Il Buddha rispose: «Un uomo di religione? Un credente in Dio? Io sono il più grande ateo mai esistito».

    L'uomo rimase immobile, profondamente confuso. Possiamo comprendere la sua confusione.

    Ma Ananda, un discepolo del Buddha, era in un'incertezza ben più grande: aveva ascoltato entrambe le conversazioni. Si sentì a disagio; non riusciva a capire che cosa stesse succedendo. Al mattino andava tutto bene, ma al pomeriggio erano cominciati i problemi. «Cos'è successo al Buddha?» si chiedeva Ananda. «Al mattino ha detto di essere il più grande teista, e al pomeriggio il più grande ateo.» Si decise a chiedere chiarimenti al Buddha quella sera, quando sarebbe stato solo. Ma prima di allora Ananda ebbe un'altra sorpresa.

    Quando giunse la sera un'altra persona venne dal Buddha e disse: «Non capisco se Dio esista o meno». Doveva essere un agnostico, uno che afferma di non sapere se Dio esista o meno. Nessuno lo sa, e nessuno potrà mai saperlo. Per cui disse: «Non so se Dio esiste oppure no. Che ne dici? Cosa ne pensi?».

    Il Buddha rispose: «Se non lo sai tu, non lo so nemmeno io. E sarebbe meglio se restassimo entrambi in silenzio».

    Udendo la risposta del Buddha, anche quest'uomo rimase confuso. Disse: «Avevo sentito dire che eri un illuminato, per cui pensavo che tu sapessi». Il Buddha disse: «Devi aver sentito male. Sono un uomo completamente ignorante. Che conoscenze posso avere?».

    Prova a immaginare lo stato d'animo di Ananda. Mettiti nei suoi panni: riesci a vedere la sua difficoltà? Quando si fece notte e tutti se ne furono andati, Ananda toccò i piedi del Buddha e disse: «Stai cercando di uccidermi? Cosa stai facendo? Ho quasi perso la ragione! Non sono mai stato tanto sconvolto come oggi. Cosa significano queste risposte? Parli sul serio? Al mattino hai detto una cosa, di pomeriggio un'altra, e alla sera hai dato una risposta completamente diversa alla stessa domanda».

    Il Buddha disse: «Non ho dato queste risposte a te. Ho dato le mie risposte alle persone che me le chiedevano. Perché le hai ascoltate? Pensi sia giusto ascoltare quello che dico agli altri?».

    Ananda disse: «Adesso esageri veramente! Come avrei potuto non sentire? Ero presente, stavo là, e le mie orecchie non erano ostruite! E come potrei non ascoltare mentre parli? Amo sentirti parlare, a chiunque tu parli»,

    II Buddha disse: «Ma perché sei così sconvolto? Io non rispondevo a te!».

    Ananda disse: «Forse no, ma io sono in grave difficoltà. Per favore rispondimi ora: qual è la verità? Perché hai dato tre risposte diverse?».

    Il Buddha spiegò: «Dovevo portare quei tre uomini a un punto di equilibrio. L'uomo che è arrivato al mattino era un ateo. Essendo solo ateo era incompleto, perché la vita è fatta di opposti».

    Tieni questo a mente: una persona autenticamente religiosa è entrambe le cose; ateo da una parte e credente dall'altra. La sua vita contiene entrambi gli aspetti, ma egli li armonizza. La religione consiste proprio in quell'armonia. E chi è solo un credente in Dio non è una per- sona religiosamente matura. Non ha ancora raggiunto un equilibrio nella sua vita.

    Per cui il Buddha disse: «Dovevo portare equilibrio nella sua vita. Una parte di lui era diventata molto pesante, per cui ho dovuto mettere delle rocce sull'altro piatto della bilancia. Inoltre volevo anche destrutturarlo, perché in un certo senso era diventato troppo sicuro che Dio non esiste. La sua convinzione andava scossa, perché chi diventa certo, muore. Il viaggio deve andare avanti; la ricerca deve continuare.

    L'uomo che è venuto nel pomeriggio era un credente. Ho dovuto dirgli che ero un ateo perché anche lui era troppo parziale, aveva perso il suo equilibrio. La vita è equilibrio. Chi raggiunge questo equilibrio raggiunge la verità».


    (Tratto da Osho, “La voce del mistero”, Oscar Mondadori 2002, pp. 55-57)

    ONESTAMENTE DEL BUDDISMO CONOSCO POCO E NIENTE , e non so neanche se questo aneddoto tratto da un libro di osho sia originale e vero ,tuttavia , trovo che sia interessante riflettervi sopra ..........!!!!
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Ven Dic 31 2010, 19:29

    Secondo me è una rivisitazione dei Osho sul pensiero buddhico.
    Il pensiero buddista è di una filosofia quasi perfetta, purtroppo manca di spiritualità quindi è un sistema parzialmente perfetto. E cmq se fosse stato vero sarebbe davvero spassosa come vignetta, te lo immagini la faccia delle 3 persone? e di Ananda?
    Per me il Buddha oltre che un personaggio mitico è stato anche un monolite nel senso che a palazzo si dice che non gli facevano conoscere le cose che accadevano all'esterno e quindi la sofferenza, la morte e la difficoltà della vita. L'illuminazione lo trasferisce nel paese dei "Balocchi" dove un'altra volta non c'è posto per altre cose, esempio Dio. Quindi lo immagino come un blocco di granito che ora sta in un posto ed ora in un altro, quello che gli è mancato è la duttilità.
    O troppo soffocati e chiusi come troppo perfetti e determinati è un guaio, infatti mi sembra un po lui quello descritto da Osho, come qualcuno (la Sfinge) che ti mostra chi sei e non qualcuno con il quale interagire.
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    le tecniche del Maestro.

    Messaggio Da abramelin18 il Sab Gen 01 2011, 19:49

    luomodelponte ha scritto:Una volta il Buddha entrò in un villaggio. Era l'alba e il sole stava per sorgere. Un uomo venne da lui e gli disse: «Sono un ateo, non credo in Dio. Tu che ne pensi? Dio esiste?».

    Il Buddha disse: «Solo Dio è. Non esiste altro che Dio, ovunque».

    L'uomo rispose: «Ma mi era stato detto che eri un ateo!».

    «Devi aver sentito male» rispose il Buddha. «Io sono un teista. Adesso lo hai sentito dalle mie stesse labbra. Io sono il più grande teista mai esistito. Dio c'è, e non esiste altro all'infuori di lui.» L'uomo rimase immobile sotto l'albero con un senso di disagio, mentre il Buddha continuò per la sua strada.

    A mezzogiorno arrivò un altro uomo che disse: «Sono un teista. Sono un fermo credente in Dio. Sono un nemico di tutti gli atei. Sono venuto a chiederti: "Cosa pensi dell'esistenza di Dio?"».

    Il Buddha disse: «Dio? Non esiste, né potrà mai essercene uno. Non c'è alcun Dio, in modo assoluto».

    L'uomo non riusciva a credere alle sue orecchie: «Cosa stai dicendo? Avevo sentito dire che in questo villaggio era arrivato un uomo di religione. Ecco perché ero venuto a chiedere se Dio esiste. Ma tu stai dicendo il contrario».

    Il Buddha rispose: «Un uomo di religione? Un credente in Dio? Io sono il più grande ateo mai esistito».

    L'uomo rimase immobile, profondamente confuso. Possiamo comprendere la sua confusione.

    Ma Ananda, un discepolo del Buddha, era in un'incertezza ben più grande: aveva ascoltato entrambe le conversazioni. Si sentì a disagio; non riusciva a capire che cosa stesse succedendo. Al mattino andava tutto bene, ma al pomeriggio erano cominciati i problemi. «Cos'è successo al Buddha?» si chiedeva Ananda. «Al mattino ha detto di essere il più grande teista, e al pomeriggio il più grande ateo.» Si decise a chiedere chiarimenti al Buddha quella sera, quando sarebbe stato solo. Ma prima di allora Ananda ebbe un'altra sorpresa.

    Quando giunse la sera un'altra persona venne dal Buddha e disse: «Non capisco se Dio esista o meno». Doveva essere un agnostico, uno che afferma di non sapere se Dio esista o meno. Nessuno lo sa, e nessuno potrà mai saperlo. Per cui disse: «Non so se Dio esiste oppure no. Che ne dici? Cosa ne pensi?».

    Il Buddha rispose: «Se non lo sai tu, non lo so nemmeno io. E sarebbe meglio se restassimo entrambi in silenzio».

    Udendo la risposta del Buddha, anche quest'uomo rimase confuso. Disse: «Avevo sentito dire che eri un illuminato, per cui pensavo che tu sapessi». Il Buddha disse: «Devi aver sentito male. Sono un uomo completamente ignorante. Che conoscenze posso avere?».

    Prova a immaginare lo stato d'animo di Ananda. Mettiti nei suoi panni: riesci a vedere la sua difficoltà? Quando si fece notte e tutti se ne furono andati, Ananda toccò i piedi del Buddha e disse: «Stai cercando di uccidermi? Cosa stai facendo? Ho quasi perso la ragione! Non sono mai stato tanto sconvolto come oggi. Cosa significano queste risposte? Parli sul serio? Al mattino hai detto una cosa, di pomeriggio un'altra, e alla sera hai dato una risposta completamente diversa alla stessa domanda».

    Il Buddha disse: «Non ho dato queste risposte a te. Ho dato le mie risposte alle persone che me le chiedevano. Perché le hai ascoltate? Pensi sia giusto ascoltare quello che dico agli altri?».

    Ananda disse: «Adesso esageri veramente! Come avrei potuto non sentire? Ero presente, stavo là, e le mie orecchie non erano ostruite! E come potrei non ascoltare mentre parli? Amo sentirti parlare, a chiunque tu parli»,

    II Buddha disse: «Ma perché sei così sconvolto? Io non rispondevo a te!».

    Ananda disse: «Forse no, ma io sono in grave difficoltà. Per favore rispondimi ora: qual è la verità? Perché hai dato tre risposte diverse?».

    Il Buddha spiegò: «Dovevo portare quei tre uomini a un punto di equilibrio. L'uomo che è arrivato al mattino era un ateo. Essendo solo ateo era incompleto, perché la vita è fatta di opposti».

    Tieni questo a mente: una persona autenticamente religiosa è entrambe le cose; ateo da una parte e credente dall'altra. La sua vita contiene entrambi gli aspetti, ma egli li armonizza. La religione consiste proprio in quell'armonia. E chi è solo un credente in Dio non è una per- sona religiosamente matura. Non ha ancora raggiunto un equilibrio nella sua vita.

    Per cui il Buddha disse: «Dovevo portare equilibrio nella sua vita. Una parte di lui era diventata molto pesante, per cui ho dovuto mettere delle rocce sull'altro piatto della bilancia. Inoltre volevo anche destrutturarlo, perché in un certo senso era diventato troppo sicuro che Dio non esiste. La sua convinzione andava scossa, perché chi diventa certo, muore. Il viaggio deve andare avanti; la ricerca deve continuare.

    L'uomo che è venuto nel pomeriggio era un credente. Ho dovuto dirgli che ero un ateo perché anche lui era troppo parziale, aveva perso il suo equilibrio. La vita è equilibrio. Chi raggiunge questo equilibrio raggiunge la verità».


    (Tratto da Osho, “La voce del mistero”, Oscar Mondadori 2002, pp. 55-57)

    ONESTAMENTE DEL BUDDISMO CONOSCO POCO E NIENTE , e non so neanche se questo aneddoto tratto da un libro di osho sia originale e vero ,tuttavia , trovo che sia interessante riflettervi sopra ..........!!!!
    Basketball
    Ma tu non hai visto dal vivo quell'episodio e chissà quante volte ?: non ero io
    quello che ai credenti spiegava che non esiste nessun Dio mentre agli atei come
    Mei Bi e Alteregold spiegava chi è Dio?
    E' una tecnica dei veri Maestri:quando l'Ebreo Sabbethai Zevi è stato proclamato Messìa d'Israele nell'anno 1666,cosa ha fatto? Si è fatto Musulmano per togliersi dalle palle tutti gli Ebrei che credevano nell'Avvento del Messìa.
    E quando l'Indù Ramakrishna cominciava a venir considerato Dio in persona ,cosa ha fatto? Si è fatto prima Musulmano,poi Cristiano e poi nuovamente Indù.

    Abramelin il Mago.

    Basketball
    luomodelponte
    luomodelponte

    Messaggi : 420
    Data d'iscrizione : 17.12.10

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da luomodelponte il Sab Gen 01 2011, 20:32

    abramelin18 ha scritto:
    luomodelponte ha scritto:Una volta il Buddha entrò in un villaggio. Era l'alba e il sole stava per sorgere. Un uomo venne da lui e gli disse: «Sono un ateo, non credo in Dio. Tu che ne pensi? Dio esiste?».

    Il Buddha disse: «Solo Dio è. Non esiste altro che Dio, ovunque».

    L'uomo rispose: «Ma mi era stato detto che eri un ateo!».

    «Devi aver sentito male» rispose il Buddha. «Io sono un teista. Adesso lo hai sentito dalle mie stesse labbra. Io sono il più grande teista mai esistito. Dio c'è, e non esiste altro all'infuori di lui.» L'uomo rimase immobile sotto l'albero con un senso di disagio, mentre il Buddha continuò per la sua strada.

    A mezzogiorno arrivò un altro uomo che disse: «Sono un teista. Sono un fermo credente in Dio. Sono un nemico di tutti gli atei. Sono venuto a chiederti: "Cosa pensi dell'esistenza di Dio?"».

    Il Buddha disse: «Dio? Non esiste, né potrà mai essercene uno. Non c'è alcun Dio, in modo assoluto».

    L'uomo non riusciva a credere alle sue orecchie: «Cosa stai dicendo? Avevo sentito dire che in questo villaggio era arrivato un uomo di religione. Ecco perché ero venuto a chiedere se Dio esiste. Ma tu stai dicendo il contrario».

    Il Buddha rispose: «Un uomo di religione? Un credente in Dio? Io sono il più grande ateo mai esistito».

    L'uomo rimase immobile, profondamente confuso. Possiamo comprendere la sua confusione.

    Ma Ananda, un discepolo del Buddha, era in un'incertezza ben più grande: aveva ascoltato entrambe le conversazioni. Si sentì a disagio; non riusciva a capire che cosa stesse succedendo. Al mattino andava tutto bene, ma al pomeriggio erano cominciati i problemi. «Cos'è successo al Buddha?» si chiedeva Ananda. «Al mattino ha detto di essere il più grande teista, e al pomeriggio il più grande ateo.» Si decise a chiedere chiarimenti al Buddha quella sera, quando sarebbe stato solo. Ma prima di allora Ananda ebbe un'altra sorpresa.

    Quando giunse la sera un'altra persona venne dal Buddha e disse: «Non capisco se Dio esista o meno». Doveva essere un agnostico, uno che afferma di non sapere se Dio esista o meno. Nessuno lo sa, e nessuno potrà mai saperlo. Per cui disse: «Non so se Dio esiste oppure no. Che ne dici? Cosa ne pensi?».

    Il Buddha rispose: «Se non lo sai tu, non lo so nemmeno io. E sarebbe meglio se restassimo entrambi in silenzio».

    Udendo la risposta del Buddha, anche quest'uomo rimase confuso. Disse: «Avevo sentito dire che eri un illuminato, per cui pensavo che tu sapessi». Il Buddha disse: «Devi aver sentito male. Sono un uomo completamente ignorante. Che conoscenze posso avere?».

    Prova a immaginare lo stato d'animo di Ananda. Mettiti nei suoi panni: riesci a vedere la sua difficoltà? Quando si fece notte e tutti se ne furono andati, Ananda toccò i piedi del Buddha e disse: «Stai cercando di uccidermi? Cosa stai facendo? Ho quasi perso la ragione! Non sono mai stato tanto sconvolto come oggi. Cosa significano queste risposte? Parli sul serio? Al mattino hai detto una cosa, di pomeriggio un'altra, e alla sera hai dato una risposta completamente diversa alla stessa domanda».

    Il Buddha disse: «Non ho dato queste risposte a te. Ho dato le mie risposte alle persone che me le chiedevano. Perché le hai ascoltate? Pensi sia giusto ascoltare quello che dico agli altri?».

    Ananda disse: «Adesso esageri veramente! Come avrei potuto non sentire? Ero presente, stavo là, e le mie orecchie non erano ostruite! E come potrei non ascoltare mentre parli? Amo sentirti parlare, a chiunque tu parli»,

    II Buddha disse: «Ma perché sei così sconvolto? Io non rispondevo a te!».

    Ananda disse: «Forse no, ma io sono in grave difficoltà. Per favore rispondimi ora: qual è la verità? Perché hai dato tre risposte diverse?».

    Il Buddha spiegò: «Dovevo portare quei tre uomini a un punto di equilibrio. L'uomo che è arrivato al mattino era un ateo. Essendo solo ateo era incompleto, perché la vita è fatta di opposti».

    Tieni questo a mente: una persona autenticamente religiosa è entrambe le cose; ateo da una parte e credente dall'altra. La sua vita contiene entrambi gli aspetti, ma egli li armonizza. La religione consiste proprio in quell'armonia. E chi è solo un credente in Dio non è una per- sona religiosamente matura. Non ha ancora raggiunto un equilibrio nella sua vita.

    Per cui il Buddha disse: «Dovevo portare equilibrio nella sua vita. Una parte di lui era diventata molto pesante, per cui ho dovuto mettere delle rocce sull'altro piatto della bilancia. Inoltre volevo anche destrutturarlo, perché in un certo senso era diventato troppo sicuro che Dio non esiste. La sua convinzione andava scossa, perché chi diventa certo, muore. Il viaggio deve andare avanti; la ricerca deve continuare.

    L'uomo che è venuto nel pomeriggio era un credente. Ho dovuto dirgli che ero un ateo perché anche lui era troppo parziale, aveva perso il suo equilibrio. La vita è equilibrio. Chi raggiunge questo equilibrio raggiunge la verità».


    (Tratto da Osho, “La voce del mistero”, Oscar Mondadori 2002, pp. 55-57)

    ONESTAMENTE DEL BUDDISMO CONOSCO POCO E NIENTE , e non so neanche se questo aneddoto tratto da un libro di osho sia originale e vero ,tuttavia , trovo che sia interessante riflettervi sopra ..........!!!!
    Basketball
    Ma tu non hai visto dal vivo quell'episodio e chissà quante volte ?: non ero io
    quello che ai credenti spiegava che non esiste nessun Dio mentre agli atei come
    Mei Bi e Alteregold spiegava chi è Dio?
    E' una tecnica dei veri Maestri:quando l'Ebreo Sabbethai Zevi è stato proclamato Messìa d'Israele nell'anno 1666,cosa ha fatto? Si è fatto Musulmano per togliersi dalle palle tutti gli Ebrei che credevano nell'Avvento del Messìa.
    E quando l'Indù Ramakrishna cominciava a venir considerato Dio in persona ,cosa ha fatto? Si è fatto prima Musulmano,poi Cristiano e poi nuovamente Indù.

    Abramelin il Mago.

    Basketball

    caro mago , ho sempre apprezzato un certo ambito della tua persona e il risvolto esistenziale conseguito , e te l'ho espresso svariate volte , certo i tuoi interventi nascono da aneliti superiori , si avvalgoo di tecniche occulte e sono in buona misura assecondare dal distacco , ma mi sono sempre scontrato con un ateismo di fondo che a parere mio ,magari sono i errore , in maniera subdola si nasconde tra le tue visioni e saggezze .
    IO HO VOLUTO RIPORTARE QUESTA storiella a volere stigmatizzare che , non è importante pervenire a un indottrinamento del pensiero , sia pure nel giusto e nel vero , quanto dibattere con stile ed equilibrio , conquistando lungimiranza , fiducia e saggezza .
    Nel mio vecchio forum di libero grazie a Dio , ho abbandonato il simulacro del mio tenace desiderio e bisogno di promuovere ciò che ritenevo vero per amare apprezzare e contemplare e rivestire di fiducia , solo ciò che siamo in questo attimo del tempo, uomini in divenire .
    con vera simpatia UDP .
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da abramelin18 il Ven Gen 21 2011, 21:05

    Rabbi Isakkar voleva andarsene da Israele per diffondere la parola di Jahwè in Persia,ma prima di partire volle avere la benedizione di Rabbi Salom'on che gli disse:

    "Quando,nel tuo peregrinare sarai seguito da 50 discepoli,siediti e pensa:"Ma in che cosa ho sbagliato?"

    E questa non è mentalità cristiana ma Ebraica.
    Dunque? Dunque non è vero che tutto il mondo è paese.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Ven Gen 21 2011, 21:47

    In effetti tutto il mondo è paese è verace infatti Jahwé era uno dei tanti dei a cui Mosè cercava di dare un abito molto più universale non riuscendoci, per i pastori ebrei era meglio il politeismo.
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da abramelin18 il Sab Gen 22 2011, 18:08

    Dice lo psicologo:"il Monoteismo porta alla dittatura.Il politeismo porta alla democrazia."
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Sab Gen 22 2011, 18:11

    Il politeismo (parlo per lo psicologo) è un aspetto del monoteismo ma di secondo livello.
    Se vuoi vaglielo a dire ma dubito che lo capirà.
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da abramelin18 il Dom Gen 23 2011, 19:31

    Very Happy

    Cioè è LUI che non capirà?

    Very Happy Very Happy Very Happy
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Dom Gen 23 2011, 19:40


    Esempio elementare di politeismo derivato e inconsapevole
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da abramelin18 il Dom Gen 23 2011, 19:47

    Esempio di politeismo"sano" : "Se un raggio di luce bianca attraversa un prisma di vetro ,si formano i 7 colori dell'arcobaleno.Ma,se si spegne la fonte della luce,tutti i 7 colori spariscono.Dunque quei 7 colori SONO la luce bianca.
    Allo stesso modo Brahma,Vishnù e Shiva SONO Brahman:l'Uno senza secondo.
    Ecco spiegata razionalmente la sacra Trimurti."

    Swami Chandrasekharendra.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Dom Gen 23 2011, 19:57

    Semmai dipendono da quella luce e non sono la luce
    il concetto di essere è orizzontale in questo caso e non in verticale.
    Il verticale porta inesorabilmente al politeismo o al concetto di alterità dall'Uno
    la Trimurti o la Trinità, il concetto è tutt'altro anche se assomiglia
    poi non siamo al corso di teologia semmai alla scuola di vita, intendo a me il corso oppure i link che spiegano non interessano, il forum dovrebbe essere un luogo di scambio di vita più che di link o di battute prese qua e la, anche questo ma non finalizzato a questo.
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da abramelin18 il Lun Gen 24 2011, 11:46

    Ma guarda un pò: i 7 colori dell'iride non SONO la luce bianca ma dipendono da essa?
    Allora questa notte chiudi tutte le luci e proietta i 7 colori dell'iride su una parete della tua cas.ma....senza accendere nessuna luce.
    Very Happy
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Lun Gen 24 2011, 14:12

    Pensala come vuoi ma un secondo livello è sempre un secondo livello
    vorresti asserire di essere Dio, mi sta bene ma sei un dio che come minimo sta al 77 livello, è un es. per dire che la luce (originale) prima cosa, non è originata dal nulla, quindi è cmq derivata, i colori sono la scomposizione della luce che è già di se una derivazione.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Lun Gen 24 2011, 14:16

    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Lun Gen 24 2011, 14:19

    L'Origine è Una unica Fonte che poi man mano è differenziata in Forza, Energia, Gravità e tanto altro
    ma pensare che una derivazione dal primo Principio sia lo stesso Primo Principio è sbagliato razionalmente e logicamente. Se per te però corrisponde allora non potrei che convenire con l'evidenza "per Tizio il discorso è questo" ma non ci sarebbero motivazione razionali o logiche (non dico dello spirito) che tengano.
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da marakella il Lun Gen 24 2011, 14:59

    abramelin18 ha scritto:
    Basketball
    Ma tu non hai visto dal vivo quell'episodio e chissà quante volte ?: non ero io
    quello che ai credenti spiegava che non esiste nessun Dio mentre agli atei come
    Mei Bi e Alteregold spiegava chi è Dio?
    E' una tecnica dei veri Maestri:quando l'Ebreo Sabbethai Zevi è stato proclamato Messìa d'Israele nell'anno 1666,cosa ha fatto? Si è fatto Musulmano per togliersi dalle palle tutti gli Ebrei che credevano nell'Avvento del Messìa.
    E quando l'Indù Ramakrishna cominciava a venir considerato Dio in persona ,cosa ha fatto? Si è fatto prima Musulmano,poi Cristiano e poi nuovamente Indù.

    Abramelin il Mago.

    Basketball

    abramelin18, di la preghiera il Credo cosi saprai che è Dio , se non la sai non lo puoi sapere mai Sleep dormi ancora?
    abramelin18
    abramelin18

    Messaggi : 249
    Data d'iscrizione : 21.12.10
    Età : 76
    Località : Gradisca d'Isonzo (Go)

    DAL VANGELO DI TOMMASO.

    Messaggio Da abramelin18 il Lun Gen 24 2011, 16:33

    confused
    Dal vangelo secondo Tommaso.loghion14.
    Gesù disse:

    "Se VOI digiunate
    cadrete in errore per vostra colpa,
    e SE PREGATE sarete condannati,
    e se farete l'elemosina
    farete del male al vostro spirito."

    Voi chi? Si rivolgeva ai Farisei.

    farao
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Lun Gen 24 2011, 19:56

    Pace all'anima loro se ce l'avevano Very Happy
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da marakella il Lun Gen 24 2011, 20:40

    abramelin18 ha scritto: confused
    Dal vangelo secondo Tommaso.loghion14.
    Gesù disse:

    "Se VOI digiunate
    cadrete in errore per vostra colpa,
    e SE PREGATE sarete condannati,
    e se farete l'elemosina
    farete del male al vostro spirito."

    Voi chi? Si rivolgeva ai Farisei.

    farao

    "A noi è stata mandata questa Parola di Salvezza". Lettera Pastorale sugli orizzonti della Parola di Dio.
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Lun Gen 24 2011, 21:07

    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da marakella il Lun Gen 24 2011, 23:20

    non mi si apre il fail questo lo sapevo , di gia' io l'ho istallato PDF ecco sasa mi dice

    http://shell.windows.com/fileassoc/0410/xml/redir.asp?EXT=pdf

    e non so quale file devo istallare navigo con internet exsplror, non so cosa fare dimmi quale fail devo istallare windos 8 istallato rom istallato
    Kame
    Kame

    Messaggi : 640
    Data d'iscrizione : 19.12.10
    Età : 56
    Località : Roma o quasi

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Kame il Mar Gen 25 2011, 00:17

    http://get.adobe.com/it/reader/otherversions/

    vai qui e poi scegli il sistema operativo, lingua e altro
    se hai problemi fallo presente
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da marakella il Mar Gen 25 2011, 01:00

    Kame ha scritto:http://get.adobe.com/it/reader/otherversions/

    vai qui e poi scegli il sistema operativo, lingua e altro
    se hai problemi fallo presente

    ci vuole la licenza e poi io sapevo che adobe read x, c'è l'ho istallato , non mi si apre
    marakella
    marakella

    Messaggi : 181
    Data d'iscrizione : 06.01.11

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da marakella il Mar Gen 25 2011, 01:07

    marakella ha scritto:

    ci vuole la licenza e poi io sapevo che adobe read x, c'è l'ho istallato , non mi si apre
    il -- ti do l'email il nik lo sai li vicino ci metti .....0libero.it ,, se ne parla meglio il perche' non mi si apre ADOBE READ X saluti kelly notte , non scrivere qui , ho visto delete che posso togliere questo argomento invia l'mail a domani mente piu fresca notte

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Che ne pensate??

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mer Mar 20 2019, 17:10